Trent’anni fa due stragi mafiose segnarono in modo indelebile la storia nazionale. Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro vennero ammazzati nei pressi di Capaci. Il racconto della strage di Capaci nelle fotografie e nel servizio del TG1. 

57 giorni dopo, il 19 luglio, l’amico e magistrato Paolo Borsellino con gli agenti di scorta Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli persero la vita nell’attentato di via D’Amelio. La notizia della strage nel servizio del TG1.

Per un profilo di Giovanni Falcone possiamo leggerne la biografia e guardare le immagini raccolte dalla Fondazione Giovanni Falcone, ascoltare le sue parole e conoscere il suo pensiero nel documentario Il peso delle parole realizzato nel 2019 a 80 anni dalla nascita del magistrato e rivedere tre interviste rilasciate a Andrea Barbato, Corrado Augias e Michele Santoro.

Uno spaccato della vita di Paolo Borsellino è offerto dal docufilm Essendo Stato. Possiamo rivedere l’intervista rilasciata a David Sassoli una settimana dopo la morte di Giovanni Falcone e ascoltare le sue spiegazioni sul fenomeno mafioso a  Lezioni di mafia, sui mafiosi o sul  traffico di eroina.

Per concludere la storia e il fotografo dietro l’immagine iconica dei due magistrati.

Per contestualizzare: La lotta alla mafia.

Vedi tutti

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Vedi tutti

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino raccontati ai ragazzi

Vedi tutti

Film su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino