Giornata delle vittime dell'immigrazioneIl 3 ottobre 2016 si consumò nel Canale di Sicilia, al largo di Lampedusa, una delle più gravi stragi di migranti. 368 morti accertati, circa 20 dispersi presunti, 155 superstiti, di cui 41 bambini.

Quell'incidente, ha ricordato il sindaco dell'isola Giusi Nicolini, "portò il presidente della Commissione Ue Juncker a venire qui a dire 'Mai più morti nel Mediterraneo'". Ma da allora "sono morte altre 11mila persone, 3.500 solo nel 2016".

Questa bibliografia vuole essere un contributo alla conoscenza di un fenomeno che non si può ignorare. Come sempre compito delle biblioteche e dei bibliotecari non è schierarsi a favore di una posizione o di un'altra, ma di offrire strumenti di conoscenza e di approfondimento per potersi formare un'opinione consapevole. Come previsto dal codice deontologico dei bibliotecari, essi acquistano i libri cercando di rappresentare il più ampio ventaglio di posizioni, senza per questo sentirsi obbligati a garantire una perfetta corrispondenza numerica. In altri termini, nella scelta devono tener conto anche di altri criteri quali l'importanza degli autori, l'autorevolezza della casa editrice, la maggiore o minore presenza nel mercato editoriale di un certo orientamento.

 

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Bartolo, Giacomo
Includi: tutti i seguenti filtri
× Target di lettura Ragazzi, età 11-15
× Soggetto Salvataggio in mare - Mare Mediterraneo - Libri per ragazzi

Trovati 1 documenti.

S.O.S. uomo in mare
0 0 0
Libri Moderni

De Giorgi, Giuseppe <1953- >

S.O.S. uomo in mare / l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi si racconta a Daniela Morelli

Firenze [etc.] : Giunti junior, 2016

Abstract: Qual è il segreto del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Italiana, Giuseppe De Giorgi? Come riesce a essere ovunque ci sia bisogno di lui? E cosa succede davvero quando c'è un "Uomo in mare"? Non importa se il diritto marittimo stabilisce che il Paese che deve intervenire è quello nelle cui acque territoriali si è verificato l'incidente. Lui forza la mano, fa la voce grossa, perché l'unica missione, per lui, è quella di salvare più vite possibile. Che si tratti dei naufraghi del traghetto Norman Atlantic, dei migranti che soccorre nell'ambito di Mare Nostrum o dei bambini africani che necessitano di cure, l'Ammiraglio ha sempre una nave pronta a salpare e uno stuolo di capitani, piloti, marinai, medici, volontari, infermieri al suo servizio. In questo libro Daniela Morelli ha raccolto la sua testimonianza, arricchendola con fotografie, dati, stralci di un verbale di Tribunale ed episodi in cui, rielaborando racconti e storie vere, ha dato voce anche a loro: ai malati, ai profughi, ai naufraghi a cui l'Ammiraglio ha donato la speranza di un futuro migliore.