Io confesso
4 1 0
Libri Moderni

Cabré, Jaume

Io confesso

Abstract: Un negozio nel cuore della vecchia Barcellona, pieno di oggetti antichi e manoscritti rari. È qui che, alla metà del '900, Adrià Ardèvol cresce sotto lo sguardo del padre antiquario, uomo dal cuore freddo e dai molti segreti. È intelligente, Adrià, forse troppo, e lo studio costante lo porta, nel volgere di pochi anni, a imparare tredici lingue e a suonare il violino come un virtuoso. Ma il giorno in cui il padre Felix muore assassinato per strada, sarà proprio il violino - un prezioso Storioni del 1700 che il ragazzo ha scambiato con uno strumento di nessun valore - a risvegliare in Adria il sentimento di una colpa che ha radici lontane, e che forse ci riguarda tutti. Perché sono gli oggetti - lo Storioni, una medaglietta d'oro del Medioevo, un vecchio cencio sporco e strappato - a spalancare le porte del passato, e a convocare i testimoni dimenticati di una storia densa di violenza e sopraffazioni, che dalle torture dell'Inquisizione ai convogli piombati di Auschwitz si ripete inesorabile attraverso i secoli.


Titolo e contributi: Io confesso / Jaume Cabré ; traduzione dal catalano di Stefania Maria Ciminelli

Pubblicazione: Milano : Rizzoli, 2012

Descrizione fisica: 780 p. ; 24 cm

Serie: La scala. - Rizzoli

ISBN: 978-88-17-05609-0

Data:2012

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: La scala
Nota:
  • Tit. orig.: Jo confesso

Nomi:

Classi: 849.9354

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2012
  • Target: : — : — :
  • Pubblicazione della Pubblica Amministrazione: sconosciuto

Sono presenti 1 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Brugine G 849.935 4 CAB BRU-15125 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Bellissimo. Una volta abituati al ritmo della narrazione il coinvolgimento è totale. Il romanzo racconta il bene e il male con estrema profondità evidenziando in particolare come il male si ripeta dall'Inquisizione passando per i campi di concentramento fino ad oggi.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.