Includi: tutti i seguenti filtri
× Anno da 2014 fino a 2015
× Materiale Registrazioni non musicali
× Nomi Eugenio Farn
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Rodari, Gianni
× Risorse Catalogo
× Nomi AA. VV.
Cartesio – Discorso sul metodo e La ricerca della verità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Cartesio (René Descartes) - Eugenio Farn

Cartesio – Discorso sul metodo e La ricerca della verità

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Con il “Discorso sul metodo” di Cartesio (René Descartes) (1637) potete ascoltare alcune delle pagine che hanno fatto la storia del moderno pensiero occidentale. Cartesio pone le basi filosofiche del “Cogito ergo sum” e del famoso, ormai diventato luogo comune, “dubbio cartesiano”. Non solo filosofia ma anche inimitabile letteratura che descrive con grande chiarezza lo stato spirituale e mentale di un uomo che ha ipostatizzato quella frattura, quella definitiva separazione fra Mente e Corpo e che ancor oggi solleva enormi problemi di epistemologia, vale a dire questioni vitali legate al “pensare a come pensiamo”. Nel dialogo eminentemente socratico “La ricerca della verità mediante il lume naturale" Cartesio evoca la figura del filosofo sotto la veste di Eudosso ed espone in forma piana, pedagogica, i punti nodali della sua speculazione metafisica.Contenuto: 1) Discorso sul metodo 2) La ricerca della verità mediante il lume naturale 3) Cronologia 4) Gli scrittiDownload (size) =1 file zip (mp3) 128 Kbps – 168 Mb

L'origine dell'uomo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Charles Darwin - Eugenio Farn

L'origine dell'uomo

il Narratore audiolibri, 06/08/2014

Abstract: Anteprima audio: “L’origine dell’uomo” (1871) (The descent of man, and selection in relation to sex) si inserisce nel grande dibattito avviato con “L’origine delle specie” fra scienziati, teologi, filosofi dell’Ottocento, soprattutto Lamarck, Lyell, Huxley e molti altri, ma in particolare sembra una risposta scientificamente necessaria da parte dell’autore alle prese di posizione antievoluzionistiche del vescovo Wilberforce, e mira decisamente a dimostrare l'origine animale dell'uomo sulla base di precise considerazioni anatomiche, fisiologiche ed embriologiche. La somiglianza anatomica ed embriologica dell'uomo con gli animali (specialmente quelli considerati superiori) era stata chiarita in modo tale che ormai l'unica plausibile spiegazione risultava quella di una comune discendenza. Ben più difficile appariva invece la questione dell'origine delle facoltà morali ed intellettuali dell'uomo. Per dimostrare che non vi è una differenza fondamentale fra le facoltà mentali dell'uomo e quelle dei mammiferi superiori Darwin illustra la ricchezza e complessità di atteggiamenti che si notano nel comportamento di questi animali. Lo fa raccontando episodi che mostrano in essi i diversi stati di piacere, dolore, terrore, gelosia, ecc. Accanto a queste situazioni emotive, in cui si intravede vividamente la somiglianza con l'uomo, vi sono anche chiare analogie di atteggiamenti conoscitivi come curiosità, meraviglia, capacità di apprendere e di usare strumenti. Egli non misconosce certo le differenze fra gli animali e l'uomo. La più grande fra esse è il senso morale o coscienza; ma anche per questa è possibile trovare una spiegazione scientifica, individuando la sua origine nell'istinto di socievolezza e di solidarietà che manifestano gli animali. La prosa darwiniana è molto ‘narrativa’ e di grande chiarezza e l’ascolto ne risulta facilitato anche grazie alla perizia nella lettura di Eugenio Farn.Contenuto: Introduzione – Parte prima: capitoli 1-7 – Sommario e conclusione (versione mancante della seconda parte dedicata alla “Selezione sessuale”)Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 400 Mb

L'Islam globale
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Khaled Fouad Allam - Eugenio Farn

L'Islam globale

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Il rapporto tra Islam ed Occidente è al centro di questo saggio di Khaled Fouad Allam. L’autore chiarisce subito che l’Islam non è un sistema omogeneo nè tanto meno statico. Come tutte le culture, si evolve, cresce, si modifica, e, come dimostra la tragica esperienza dell’11 settembre, sta attraversando una profonda crisi di passaggio. La civiltà islamica, malata di “occidentalite" – termine coniato dal pensiero musulmano per definire la patologica attrazione esercitata dalla cultura occidentale – si è trovata ad un bivio significativo: entrare a far parte del “villaggio globale”, modificando la propria identità, o rifiutarlo, richiamandosi ai valori della tradizione. La reazione estremista, il nuovo fondamentalismo, che associa la violenza al sacro, nasce perciò, nella visione di Allam, dalla frustrazione di una comunità che si sente usurpata della propria autonomia.Contenuto: (riduzione del testo a stampa: Khaled Fouad Allam, “L’Islam globale”, ediz. Rizzoli,2002) 01) Introduzione – L’ingegnere e il capo tribù 02) Delocalizzazione e riformulazione dell’Islam 03) Islam e politica 04) Ideologizzazione dell’Islam 05) L’Occidente malattia dell’Islam 06) Le tappe della malattia 07) Iran punto di congiunzione 08) L’occidentalite 09) Il rifiuto dell’Occidente 10) Ideologizzazione della tradizione 11) Che cos’è un linguaggio religioso 12) Teoria e pratica del revanscismo 13) L’occidentalismo di Hanafi 14) L’iperconservatorismo 15) Il nuovo intellettuale militante dell’Islam contemporaneo 16) L’uomo perfetto 17) L’iperterrorismo 18) Ermeneutica della violenza 19) Jihad: martirio, suicidio - lo stato della questione 20) Alcuni contesti Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 169 Mb tot.

Storia della morte in Occidente
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Philippe Ariès - Eugenio Farn

Storia della morte in Occidente

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Uno sguardo sull’evoluzione storica dell’idea della morte e della sua rappresentazione dal Medioevo sino ad oggi. L’autore, uno fra i maggiori storici francesi, affronta il tema della morte con stile divulgativo, semplice, coinvolgente ma tutt’altro che lugubre. Il suo studio abbraccia un periodo di quasi 1000 anni e descrive i meccanismi con cui l’uomo occidentale a partire dal medioevo, dove si pensava alla morte con familiarità e come a una tappa necessaria, ha progressivamente cambiato idea, sviluppandone un sempre maggior timore, fino ad arrivare ai nostri giorni in cui si è fatto della morte un vero e proprio tabù, un evento di cui va letteralmente negata l’esistenza, parlandone il meno possibile ed eliminando o camuffando cadaveri e cimiteri, relegandola cioè nell’unico luogo dove attualmente si è disposti a tollerarne una lontana e silenziosa esistenza: l’ospedale. Un’opera che lo storico affronta con una metodologia che prevede l’analisi di tutte le fonti storiche da cui ha potuto attingere: iscrizioni sulle tombe, testamenti, collocazione dei cimiteri nel contesto urbano, opere artistiche e letterarie. Contenuto: (riduzione del testo a stampa: Philippe Ariès, Storia della Morte in Occidente, ediz. Rizzoli, 1987) 1) La morte addomesticata 2) La morte di sé 3) La morte dell’altro 4) La morte proibita 5) Conclusione 6) Ricchezza e povertà davanti alla morte nel medioevo 7) Contributo allo studio del culto dei morti nell’età contemporanea 8) La morte capovolta 9) Come il morente è privato della sua morte 10) Il rifiuto del lutto 11) L’invenzione di nuovi riti funebri negli Stati Uniti 12) Il malato, la famiglia e il medico. Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 228 Mb tot.

Tre saggi sulla sessualità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Sigmund Freud - Eugenio Farn

Tre saggi sulla sessualità

il Narratore audiolibri, 06/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Il primo vero abbozzo della teoria sessuale di Sigmund Freud che avrà poi un’influenza straordinaria sulla cultura in generale e sulla scienza psicologica in particolare. Nel libro Freud enuncia l’importanza della vita sessuale nella crescita dell’individuo, maschio e femmina, a partire sin dalla più tenera età. Il primo saggio è una trattazione delle perversioni sessuali, secondo l'oggetto e lo scopo, fra cui l’Autore inserisce anche l'omosessualità che egli considera sostanzialmente derivata da una bisessualità originaria, comune a tutti gli esseri umani. Rileva anche la mancanza di una netta demarcazione fra perversione e varietà normali della sessualità. Il secondo saggio parla della sessualità infantile, descrivendone le varie fasi: fase orale, fase anale e fase genitale. Freud definì ogni bambino (o bambina) che attraversi tutte queste fasi un 'perverso polimorfo', nel senso che in lui sono presenti tutte le forme di perversione che, in condizioni particolari, possono poi ripresentarsi in età adulta. Il terzo saggio tratta dello spostamento delle pulsioni 'parziali', cioè limitate a determinate zone erogene del corpo, verso un oggetto sessuale completo (cioè un partner), consentendo così il passaggio dal piacere individuale (autoerotismo) al piacere al servizio della procreazione. Segue la differenziazione psicosessuale fra uomini e donne. Affronta poi il legame fra i primi rapporti con la figura materna e la scelta amorosa, introducendo la tematica del complesso edipico. La lettura chiara e scorrevole è di Eugenio Farn.Contenuto: Saggio 1 : Le aberrazioni sessuali – Saggio 2 : Sessualità infantile – Saggio 3 : Le trasformazioni della pubertà  (versione integrale) (l’audiolibro contiene anche il testo originale in formato .pdf)Download (size) : 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 179 Mb tot.