Rete 2.min

 

IL CATALOGO DELLE BIBLIOTECHE DELLA RETE 2

Per ricercare i libri e i documenti multimediali posseduti dalle Biblioteche delle Rete 2 usa il box di ricerca che trovi sotto. I risultati conterranno almeno un libro delle 30 biblioteche che compongono la Rete 2. Se vuoi compiere una ricerca su tutte le 85 biblioteche della Provincia di Padova usa il box di ricerca che trovi in alto, appena sotto il titolo della pagina

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Fratelli
× Soggetto Psicologia infantile
× Nomi Shakespeare, William
Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Latino
Mostra parametri
Le metamorfosi
0 0 0
Libri Moderni

Apuleius - Apuleius

Le metamorfosi / Apuleio ; saggio introduttivo, nuova traduzione e note a cura di Monica Longobardi ; con una presentazione di Gian Biagio Conte

Ed. integrale

[Santarcangelo di Romagna] : Rusconi, 2019

Classici greci e latini

Abstract: Il romanzo, in undici libri, racconta la storia di Lucio, un giovane affascinato dalle arti magiche, che, in seguito ad un errore - uno scambio di unguenti - viene trasformato, invece che in un uccello, come desiderava, in un asino che conserva tuttavia mente e sentimenti umani; per tornare uomo deve mangiare dei petali di rosa. Questo il suo scopo, ma, a causa della sua curiositas, il protagonista si troverà spesso a dover affrontare difficoltà e peripezie, riuscendo tuttavia alla fine nel suo intento. La storia principale viene spesso interrotta da racconti di vario genere, dei quali il più celebre è la favola di Amore e Psiche che occupa quasi tre libri. Metaforicamente vi è rappresentato il cammino dell'anima umana che, attraverso prove faticose, acquista la immortale felicità; così, anche nella storia di Lucio, avviene, durante un lungo rito in onore di Iside, la redenzione e consacrazione mistica del protagonista. Presentazione di Gian Biagio Conte.

Padova 1419-1420
0 0 0
Libri Moderni

Padova 1419-1420 : gli statuti della fraglia dei notai (Padova, Biblioteca Civica, BP, 339) / a cura di Martina Cameli

Roma : nella sede dell'Istituto, 2018

Fonti per la storia dell'Italia medievale. Antiquitates ; 50

Abstract: Il volume fornisce l’edizione degli statuti della fraglia (= corporazione) dei notai di Padova degli anni 1419-1420. Tali statuti sono contenuti in un manoscritto conservato presso la Biblioteca Civica di Padova. Si tratta di un codice molto noto e anche molto bello perché è elegantemente ornato; la sua decorazione, definita «gradevolissima senza essere raffinata», è attribuita al Maestro di Roncaiette, pittore attivo in ambito padovano tra il secondo e il terzo decennio del Quattrocento, autore del polittico eponimo di San Fidenzio a Roncaiette. Molto noti sono anche i suoi autori testuali e materiali: rispettivamente Sicco Polenton, notaio, cancelliere del comune di Padova e noto letterato umanista che rivestì un ruolo di rilievo in vari ambiti della vita cittadina, e non solo, dell’epoca, e che fu anche redattore, insieme ad altri, degli statuti cittadini voluti dal governo di nuovo impianto della Serenissima (il cosiddetto Codice veneto o riformato), e Giacomo da Padova, frate minore del convento del Santo. Oggetto del libro è la seconda compilazione statutaria della corporazione, risalendo la prima all’incirca all’ultimo ventennio del Duecento. Essa rispecchia la nuova condizione sociale del collegio notarile padovano sotto il nuovo governo imposto da Venezia, dopo la conquista di Padova e la sua sottomissione alla Serenissima del 22 novembre 1405.

Expositio super I De anima Aristotelis et commentatoris 1503
0 0 0
Libri Moderni

Pomponazzi, Pietro

Expositio super I De anima Aristotelis et commentatoris 1503 / Pietro Pomponazzi ; riportata da Antonio Surian ; a cura di Massimiliano Chianese

Roma : Edizioni di storia e letteratura, 2018

Temi e testi ; 172

Abstract: Nel corso della sua lunga attività di insegnamento presso le Università di Padova e di Bologna, Pietro Pomponazzi si confrontò ripetutamente con il De anima di Aristotele e con il relativo commento di Averroè. Il suo primo corso svolto in qualità di professore ordinario a Padova risale al 1499, il frutto più maturo delle sue riflessioni è sicuramente il celebre Tractatus de immortalitate animae, pubblicato a Bologna nel 1516, che lo proiettò al centro di polemiche, discussioni e condanne. Gli studenti del Pomponazzi ci hanno tramandato gli appunti di numerosi suoi commenti al Corpus aristotelicum. Fra questi, di particolare interesse è l'esposizione sul primo libro del De anima, che il professore svolse a Padova sul cadere dell'anno 1503, e che fu riportata e messa in bella copia da un nobile veneziano, Antonio Surian, che frequentava le sue lezioni. Il volume presenta l'Expositio super I De anima secondo l'unico manoscritto che ci è pervenuto, conservato nella Biblioteca Nazionale di Napoli (VIII D 81), e reca un fondamentale contributo alla ricostruzione della formazione e dello sviluppo della dottrina psicologica pomponazziana.

Vocabolario della lingua latina
0 0 0
Multimedia (kit)

Castiglioni, Luigi - Mariotti, Scevola <1920-2000>

Vocabolario della lingua latina / Luigi Castiglioni, Scevola Mariotti ; redatto con la collaborazione di Arturo Brambilla e Gaspare Campagna

4. ed. / a cura di Piergiorgio Parroni

Torino : Loescher, 2018

Abstract: 50 000 voci latine - 30 000 voci italiane- oltre 330 specchietti riassuntivi di voci complesse- evidenziazione delle informazioni grammaticali- ampio numero di lemmi-aiuto e di segnalazioni di particolarità linguistiche- appendice linguistica e antiquaria - versione elettronica dell'opera integrale per piattaforma Windows

Concerti sacri
0 0 0
Disco (CD)

Scarlatti, Alessandro <1660-1725>

Concerti sacri / Alessandro Scarlatti ; Raffaele Pe controtenore ; La lira di Orfeo ensemble barocco

[Milano] : Bel Vivere, 2018

Fa parte di: [Amadeus compact disc]

La vita di Agricola
0 0 0
Libri Moderni

Tacitus, Publius Cornelius

La vita di Agricola ; la Germania / Publio Cornelio Tacito ; introduzione e commento di Luciano Lenaz ; traduzione di Bianca Ceva

19. edizione

Milano : BUR Rizzoli, 2018

Bur Rizzoli classici greci e latini

Come insultavano gli antichi
0 0 0
Libri Moderni

Come insultavano gli antichi : dire le parolacce in greco e in latino / a cura di Neleo Di Scepsi

Nuova ed.

Genova : Il melangolo, 2018

Nugae ; 258

Abstract: L'insulto può essere considerato un vero e proprio genere, praticato fin dall'antichità. Questa piccola raccolta, realizzata saccheggiando i più grandi autori greci e latini, dimostrerà al lettore di oggi come anche le ingiurie e le espressioni oscene rientrino a pieno titolo nella nostra tradizione letteraria.

Latin lover
0 0 0
Libri Moderni

Milani, Mino

Latin lover : detti latini per tutte le occasioni / scritto da Mino Milani ; illustrato da Sara Not

San Dorlingo della Valle : Einaudi ragazzi, 2018

Abstract: Carpe diem! Cogliete l'attimo! Perché tempus fugit... e non vorrete perdere il dulcis che, si sa, è sempre in fundo." Il latino non è una lingua lontana e per pochi: il latino siamo noi. Una passeggiata tra 100 detti e motti latini in uso nella nostra lingua in compagnia di un Cicerone d'eccezione: Mino Milani. Per scoprire che, in fondo, siamo tutti dei veri "latin lover"! Età di lettura: da 12 anni.

Asinaria
0 0 0
Libri Moderni

Plautus, Titus Maccius

Asinaria / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Guido Paduano ; traduzione di Mario Scàndola

7. ed.

Milano : BUR Rizzoli, 2017

BUR. Classici greci e latini

Commento al Vangelo di Giovanni
0 0 0
Libri Moderni

Eckhart <Meister> - Eckhart <Meister>

Commento al Vangelo di Giovanni / Meister Eckhart ; introduzione, traduzione, note e apparati di Marco Vannini

Firenze ; Milano : Bompiani Il pensiero occidentale, 2017

Bompiani Il pensiero occidentale

Abstract: Del magistero universitario parigino del domenicano tedesco Eckhart (1260-1328 ca.), chiamato dai contemporanei proprio Meister, ovvero "magister", questo ''Commento al vangelo di Giovanni'' è senza dubbio l'opera maggiore e più rilevante, giunta fino a noi dopo l'oblio di molti secoli: non a caso è da essa che sono state estratte alcune delle proposizioni più sconvolgenti tra quelle condannate come eretiche dalla Bolla papale "In agro dominico" (1327). Il testo giovanneo - il vangelo di Dio come spirito e dell'uomo parimenti come spirito - permette infatti al "magister" di sviluppare appieno la sua dottrina mistica fondamentale: la generazione del Logos nell'anima dell'uomo completamente distaccato, che diviene così uomo divino, come il Figlio. Contro l'esclusivismo biblico, Eckhart afferma che la stessa luce ha sempre illuminato e illumina tutti i popoli - pagani, ebrei, cristiani -: "Mosè, Cristo e il Filosofo (Aristotele) insegnano la stessa cosa, che differisce soltanto nel modo, cioè in quanto credibile, dimostrabile o verosimile, e verità". Difendendo il primato della ragione che si fa spirito, il domenicano interpreta perciò la Scrittura in modo che essa sia sempre in accordo con la filosofia classica. Non meraviglia quindi che tanto pensiero occidentale, da Cusano ad Hegel, si sia nutrito dell'opera di quello che Heidegger chiamò "Lebemeister", maestro di vita, ben più che "Lesemeister", professore

Statuti di Padova di età carrarese
0 0 0
Libri Moderni

Padova

Statuti di Padova di età carrarese / a cura di Ornella Pittarello ; con saggi introduttivi di Gherardo Ortalli ... [et al.]

Roma : Viella, 2017

Corpus statutario delle Venezie ; 22

Abstract: La pubblicazione di questo volume segna una svolta per quanto riguarda la conoscenza e lo studio della storia di Padova e del suo contesto. Infatti vede finalmente la luce l'edizione del più importante documento tuttora inedito quanto all'intero medio evo padovano: le centinaia di carte che compongono il codice statutario della Biblioteca Civica padovana segnato B.P. 1237, contenente gli statuti della città durante la signoria dei da Carrara. A segnare l'importanza del testo non sono soltanto la sua antichità, l'abbondanza di indicazioni che offre e l'ampio raggio delle materie trattate. C'è anche il carattere specifico e fondamentale proprio di tutte le raccolte statutarie. Gli Statuti, nel ricco complesso delle più o meno rilevanti fonti disponibili per la conoscenza del passato, hanno una posizione di rilievo assoluto. Sono infatti il documento-principe tra quelli che una comunità ha prodotto in tutta la sua storia, l'atto ufficiale con cui la società cittadina del tempo ha cercato di esprimere se stessa al massimo livello possibile, nel modo più compiuto, con il maggiore sforzo di autocoscienza e di autorappresentazione

Nel cuore di Torreglia
0 0 0
Libri Moderni

Osto, Giulio - Paradisi, Patrizia

Nel cuore di Torreglia : una poesia di Francesco Pimbiolo, una passeggiata sul Colle della Mira / Giulio Osto, Patrizia Paradisi ; illustrazioni Massimo Beretta ... [et al.]

Albignasego : Proget, 2017

Abstract: Questa pubblicazione è un’iniziativa correlata a Parola e Mistero - Premio San Sabino, concorso letterario organizzato dalla Parrocchia di Torreglia (Padova) dal 2001, con cadenza biennale. La poesia di Pimbiolo viene riscoperta, in modo originale, nel bicentenario della sua pubblicazione (1817-2017). Nel 1817 Francesco Pimbiolo degli Engelfreddi (Padova, 1753-1823) pubblicò un carme elegiaco, per celebrare l’affidamento al fratello Antonio (Padova, 1740-1824) di un importante incarico presso l’Università di Padova. Gli oltre cento versi latini celebrano la villa di Antonio Pimbiolo situata nel cuore del paese di Torreglia, sui Colli Euganei. La poesia canta le magie del paesaggio che circonda il Colle della Mira (132 mt), dove tutt’ora si trova la villa Pimbiolo-Zadra, lungo il sentiero Mondònego. A Torreglia, sulle pendici del medesimo colle sorge anche la Villa Abate Barbieri – Verson cantata in un poemetto composto da Niccolò Tommaseo (1802-1874) e pubblicato dall’abate Giuseppe Barbieri (1774-1852) in appendice alla sua opera Veglie tauriliane del 1821. L’opera di Pimbiolo costituì l’antefatto letterario della poesia di Tommaseo al quale è dedicato il libro

Pomponia Graecina
0 0 0
Libri Moderni

Garcia Barraco, Maria Elisa

Pomponia Graecina : vicende storiche e letterarie di una matrona romana del I secolo / Maria Elisa Garcia Barraco ; con una riproduzione del carme latino di Giovanni Pascoli "Pomponia Graecina" tradotto da Vieri Bongi

Roma : Arbor sapientiae, 2017

Ipazia ; 9

Lingua et mores
0 0 0
Libri Moderni

Autilio, Chiara - Gaglia, Maria Jose

Lingua et mores : grammatica latina e civiltà / Chiara Autilio, Maria Jose Gaglia

Torino : Edisco, 2017

Res seniles. Libri XIII-XVII
0 0 0
Libri Moderni

Petrarca, Francesco <1304-1374>

Res seniles. Libri XIII-XVII / Francesco Petrarca ; a cura di Silvia Rizzo, con la collaborazione di Monica Berté

Firenze : Le Lettere, 2017

Fa parte di: Petrarca, Francesco <1304-1374>. 2: Lettere

Abstract: Con questo volume si concludono le Senili nell'ambito dell'edizione di tutto Petrarca promossa dalla Commissione per l'Edizione Nazionale in occasione del centenario del 2004. Il volume abbraccia gli ultimi cinque libri: in un articolo pubblicato recentemente Silvia Rizzo e Monica Berté hanno infatti dimostrato che il XVII è il libro con cui Petrarca ha voluto effettivamente terminare quest'opera, che non è stata quindi lasciata incompleta come prima si pensava (edizioni precedenti hanno perfino aggiunto l'incompiuta lettera alla Posterità come libro XVIII). Il testo latino, costituito sulla base delle collazioni dei testimoni più autorevoli, è accompagnato da un apparato delle fonti e da un apparato critico, nel quale si dà conto delle eventuali varianti d'autore nonché dei problemi testuali più rilevanti, e ha a fronte una nuova traduzione italiana corredata da note esegetiche, che non di rado recano novità in fatto di datazioni, identificazioni, rapporti con i codici della biblioteca petrarchesca e relative postille, particolarità linguistiche.

La congiura di Catilina
0 0 0
Libri Moderni

Sallustius Crispus, Gaius

La congiura di Catilina / Gaio Sallustio Crispo ; introduzione, traduzione e note di Lidia Storoni Mazzolani

26. ed.

Milano : BUR Rizzoli, 2017

BUR classici greci e latini

Abstract: "La congiura di Catilina" è la storia del tentativo di Liucioi Sergio Catilina, nobile depravato e privo di scrupoli, forse "ispirato" dallo stesso Cesare, di sovvertire l'ordinamento repubblicano a Roma. Questo controverso episodio è certo esposto in modo tendenzioso, ma ha il pregio di essere narrato con un periodare serrato e vibrante, ricco di antitesi e spaziature, che affascina alla lettura. Sallustio esercitò influenze profonde sugli storici successivi sia per la peculiare scrittura sia per la sua concezione della storiografia; non solo cronaca di fatti ma ricerca delle loro cause.

De vulgari eloquentia
0 0 0
Libri Moderni

Alighieri, Dante

De vulgari eloquentia / Dante Alighieri ; a cura di Mirko Tavoni

Milano : Mondadori, 2017

Oscar classici ; 85

Abstract: «Se non avesse scritto la Commedia, con ogni probabilità Dante sarebbe passato alla storia come grande lirico e come grande linguista. Le ricerche sul campo e le teorizzazioni intorno alla lingua, incentrate sull'idea esclusivamente sua della storicità e, quindi, della continua mutevolezza delle lingue parlate, sono di una modernità che suscita ammirazione. E ammirazione suscita anche la preveggenza quasi profetica con la quale Dante scommette che una lingua frammentata in una miriade di dialetti e utilizzata tutt'al più per un uso letterario specialistico possa diventare la comune lingua di cultura.» (Marco Santagata)

De brevitate vitae
0 0 0
Libri Moderni

Seneca, Lucius Annaeus <4 a.C.-65> - Seneca, Lucius Annaeus <4 a.C.-65>

De brevitate vitae / Seneca ; a cura di Tommaso Gazzarri

Milano : Oscar Mondadori, 2016

Oscar classici ; 41

Abstract: Tra i dialoghi filosofici più famosi di Seneca, il De brevitate vitae venne composto probabilmente tra il 49 e il 55 d.C. ed è dedicato a Paolino, da identificarsi forse con il suocero del filosofo: un uomo dunque sufficientemente maturo per comprendere e apprezzare la profondità del messaggio senecano. Il tema trattato è di quelli che rimangono di perenne attualità: la fugacità del tempo e la brevità della vita. Che però, sostiene Seneca, appare tale solo a chi, non sapendone afferrare la vera essenza, si disperde in mille futili occupazioni. Di fronte a questa massa di occupati, assediati dalle proprie inutili attività, Seneca propone il suo modello umano, il saggio che si dedica all'otium, vivendo in prima persona l'alternativa etica alla società violenta dell'epoca neroniana e trovando nella riflessione filosofica il metodo per ristabilire l'equilibrio morale e recuperare la salute dello spirito; la conoscenza di sé diventa così il punto di partenza per dare un significato nuovo al proprio agire nel mondo e al suo valore sociale. Riappropriarsi del proprio tempo vuol dire dunque rivendicare con forza il diritto di riappropriarsi di se stessi, esercitando la forma più alta di libertà, di esperienza culturale e intellettuale, di una socialità che affratella gli uomini.

Cantate cum jubilo
0 0 0
Disco (CD)

Cantate cum jubilo : la musica del giubileo nel Duomo di Milano dal canto ambrosiano ai giorni nostri / Cappella musicale del duomo di Milano ; don Carlo Burgio, direttore ; Emanuele Carlo Vianelli, organo

[Milano] : Bel Vivere, 2016

Fa parte di: [Amadeus compact disc]

Cantiamo Torreglia
0 0 0
Libri Moderni

Marchesi, Lucia - Osto, Giulio - Paradisi, Patrizia

Cantiamo Torreglia : una poesia di Niccolò Tommaseo / Lucia Marchesi, Giulio Osto, Patrizia Paradisi ; prefazione Alfonso Traina

Albignasego : Proget, 2016

Abstract: Il volume Cantiamo Torreglia intende riscoprire la poesia del Tommaseo e attraverso di essa proporre un’esperienza di incontro con il paesaggio euganeo tra natura e letteratura. L’opera è composta da diversi elementi intrecciati tra loro: a) il testo originale latino della poesia, la traduzione italiana filologica, il commento alla poesia a cura di P. Paradisi; b) una traduzione italiana poetica a cura di G. Zamarin e M. Boschi; c) le fotografie di Torreglia e dei Colli Euganei (di G. Canello) disposte - a commento della poesia - in un itinerario esperienziale storicoletterario a Torreglia, illustrato anche da 2 mappe