Community » Forum » Recensioni

I love Chanel
2 1 0
Farnese, Daniela

I love Chanel

Roma : Newton Compton, 2013

Abstract: Il giorno del matrimonio del suo migliore amico, Rebecca realizza di vivere da mesi in uno stato di grazia. Il lavoro da wedding planner va a gonfie vele, indossa ancora una taglia 42 e sta per trasferirsi a Parigi, la capitale dell'amore, per raggiungere Ètienne, l'uomo della sua vita. Fasciata nei suoi impeccabili tubini, in bilico sui tacchi a spillo, la moderna Coco, ormai sicura di sé e follemente innamorata, può finalmente concentrarsi sul futuro. ma cosa succede se il passato continua a tormentarla? Perché è così difficile dimenticare i vecchi amori? E perché la glaciale ex fidanzata di Ètienne sembra ancora così legata a lui? Convinta di vivere ormai in una favola, a pochi passi dal "vissero tutti felici e contenti", Rebecca scopre che anche le favole sono piene di colpi di scena e durante un viaggio nell'incantevole campagna francese, tra giardini, vigneti e cantine, in cerca di location romantiche per i suoi clienti, Rebecca incontra un affascinante sommelier, che mette in crisi tutte le sue certezze. A rendere ancora più caotica la sua vita, arrivano un padre assente che cerca di riconquistare il suo affetto a ritmo di balli sudamericani, l'eccentrica Elodie, sempre in cerca dell'uomo perfetto, e Claudio ed Emma, gli amici fidati. Tra eleganti boutique, croissant e bicchieri di vino, Rebecca proverà, ancora una volta, a realizzare i suoi sogni e cercherà finalmente di rispondere alla domanda che più le sta a cuore: il vero amore può durare per sempre?

1342 Visite, 1 Messaggi

Classico libro da ombrellone. Piacevole, simpatico e d'evasione.... piuttosto leggero e scontato, ma utile per qualche ora di svago!!
Ne consiglio la lettura ma solo dopo aver letto l'opera prima della Farnese "Via Chanel n.5".
Faccio solo due appunti: uno negativo relativamente al fatto che in varie parti del romanzo si mette, a mio avviso per questi tempi, troppo l'accento sull'importanza, quasi manicale, di avere un fisico che possa "entrare" in una taglia 42 (taglia dalla protagonista tollerata con rassegnazione su sè stessa solo dopo anni di inutile tentativi di poterne esibire una inferiore).
L'aspetto positivo riscontrato, già presente nel romanzo precedente e caro al nostro lato femminile e mondaiolo, riguarda la quantità di consigli sullo stile o sulla scelta degli "outfit" più appropriati per le varie occasioni che la vita ci riserva.

  • «
  • 1
  • »

2785 Messaggi in 2396 Discussioni di 409 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.