Community » Forum » Recensioni

La lettera scarlatta
0 1 0
Hawthorne, Nathaniel <1804-1864>

La lettera scarlatta

Milano : Dalai, copyr. 2011

Abstract: "La lettera scarlatta", pubblicato nel 1850, ebbe una genesi complessa e tormentata. In questo libro, dall'impostazione classica e allo stesso tempo innovativa, Hawthorne, che qui rivela le sue capacità di analisi psicologica, non si limita a dare vita a una indimenticabile rappresentazione dello spirito puritano nell'epoca coloniale in America ma giunge a proporre una liberatoria concezione dell'amore come grande forza creatrice della natura. L'intensa storia della bella adultera Hester Prynne, bollata come peccatrice dai suoi freddi e intransigenti concittadini, si trasforma in vera e propria apologia degli istinti nella scoperta della gioia selvaggia e pura di vivere fino in fondo la propria esistenza, rivendicando il diritto alla passione

26 Visite, 1 Messaggi

Nathaniel Hawthorne è considerato uno degli scrittori più importanti della letteratura dell’Ottocento americano,
insieme a Edgar Allan Poe, Mark Twain e Herman Melville( lo stile narrativo dei 2 è molto simile).

La letturaè impegnativa e va quindi accompagnata da un po’ di pazienza nel fulcro della storia.
E' indubbiamente un libro ricchissimo di introspezione, non solo dei personaggi principali, ma di un’intera comunità.
Quando poi la storia si dipana, la narrazione si snoda atteraverso i tre personaggi principali;
la giovane Hester, il vecchio e vendicativo marito e l'affascinante reverendo Dimmesdale.
Tuttavia quanto accade prima della condanna, il passato dei vari personaggi non sono menzionati e restano celati al lettore.
Questo fatto mi ha creato serie difficoltà ad affezionarmi ai personaggi, lo stile dell'autore aggiunta a questa enorme lacuna
mi ha resa una lettrice apatiaca. Un libro che alla fine ho letto per il piacere di leggere fine a sè stesso.
Non è esattamente quello che cerco in un libro.

  • «
  • 1
  • »

2392 Messaggi in 2027 Discussioni di 372 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.