Community » Forum » Recensioni

La strada di casa
4 2 0
Haruf, Kent

La strada di casa

Milano : NNE, 2020

Abstract: Finalmente Holt, con i lampioni blu in lontananza, poi sempre più vicini, e le strade deserte e silenziose una volta entrati in città. Jack Burdette è sempre stato troppo grande per Holt. È fuggito dalla città lasciando una ferita difficile da rimarginare, e quando riappare dopo otto anni di assenza, con una vistosa Cadillac rossa targata California, la comunità vuole giustizia. È Pat Arbuckle, direttore dell'Holt Mercury e suo vecchio amico, a raccontare la storia di Jack: dall'adolescenza turbolenta all'accusa di furto, dal suo lungo amore per Wanda Jo Evans al matrimonio lampo con Jessie, donna forte e determinata. Uno dopo l'altro, i ricordi di Pat corrono fino al presente, rivelando le drammatiche circostanze che hanno portato Jack ad abbandonare la città e la famiglia. Il suo ritorno farà saltare ogni certezza, minando la serenità di tutti, specialmente quella di Pat.

43 Visite, 2 Messaggi
Leopoldo Roman
118 posts

Lo stile di Kent Haruf, semplice ed essenziale, mi piace molto perché riesce a dare spessore a tutti i suoi personaggi che diventano indimenticabili. Questo romanzo, che è stato il secondo da lui pubblicato, nove anni prima della più famosa “Trilogia della pianura”, conclude, ancora nella traduzione del bravo Fabio Cremonesi, il ciclo delle sue opere edito in Italia. La storia raccontata ha per protagonisti il narrante Pat Arbuckle, l’imprevedibile e completamente sfasato Jack Burdette e Jessie, la donna che lui ha sposato il giorno dopo averla conosciuta e che ha lasciato improvvisamente, pochi mesi dopo la nascita del figlio, per poi ritornare a riprendersela sempre improvvisamente otto anni dopo come se niente fosse accaduto. L’imprevista ricomparsa di Jack, a bordo di una sfavillante Cadillac rossa, ha generato un’incontrollata rabbia negli abitanti di Holt, fra cui anche quella dello sceriffo, poiché il tipo otto anni prima li aveva truffati quasi tutti. Arrestato e malmenato è stato però liberato in quanto tutti i suoi reati erano stati prescritti. La mancanza di giustizia ha generato la sua rivalsa e portato la storia ad una triste conclusione.

Lettura facile, personaggi ben delineati e alla fine accattivanti, persino il più delinquenziale Burdette.
Tutti abbiamo conosciuto un Burdette nella vita, anche se non proprio così di successo.
Appena scoperto questo scrittore americano che i permetterà di non annoiarmi almeno per altri 5 libri, visto che in totale ne ha scritto solo 6.

  • «
  • 1
  • »

2342 Messaggi in 1983 Discussioni di 364 utenti

Attualmente online: Ci sono 22 utenti online