Community » Forum » Recensioni

Guida al trattamento dei vampiri per casalinghe
0 1 0
Hendrix, Grady

Guida al trattamento dei vampiri per casalinghe

Milano : Mondadori, 2020

Abstract: Difficile la vita di Patricia Campbell: il marito è troppo impegnato col lavoro, i figli con le loro vicende, l'anziana suocera ha bisogno di cure costanti per cui Patricia è sempre in ritardo nel suo infinito elenco di faccende domestiche. La sua unica oasi felice è un gruppo di lettura, formato da donne unite dal comune amore per il true crime. Nei loro incontri, invece che di matrimoni, maternità e pettegolezzi, si parla della famiglia Manson. Ma un giorno James Harris, bello e misterioso, viene a vivere nello stesso quartiere di Charleston e si unisce al gruppo. James è un uomo sensibile, colto e fa sentire a Patricia cose che non provava da anni. Eppure c'è qualcosa di strano in lui: non ha un conto in banca, non esce durante il giorno e la suocera di Patricia sostiene di averlo conosciuto da ragazza. Quando i bambini di colore cominciano a scomparire senza che la polizia faccia nulla, in Patricia e nelle amiche si fa strada il sospetto che James sia un serial killer, ma nessuno al di fuori del gruppo ci crede. Sono loro ad aver letto troppi libri di true crime o quello che si aggira nelle loro case è un mostro vero? Insomma Guida al trattamento dei vampiri per casalinghe è un horror che ci racconta l'America di oggi: la condizione delle donne, dei neri, la violenza maschile e il fascino per il crimine, e molto molto altro...

21 Visite, 1 Messaggi

Bel libro, uno di quei libri completi di tutto. Inizia in maniera frivola e banale anche se divertente ma presto vira verso toni più drammatici andando a toccare temi forti trattati, però, con delicatezza, senza, tuttavia, edulcorare nulla

Lo consiglio a chi vuole una lettura che faccia pensare a quanto importante sia la solidarietà femminile indipendentemente dalle personalità e dalla provenienza di ciascuna

  • «
  • 1
  • »

2326 Messaggi in 1970 Discussioni di 360 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.