Community » Forum » Recensioni

La bastarda degli Sforza
0 1 0
Russo, Carla Maria

La bastarda degli Sforza

Milano : Piemme, 2016

Abstract: 1463. In una Milano splendida e in subbuglio dopo l'ascesa al potere di Galeazzo Maria Sforza, tiranno crudele e spietato ma anche amante delle arti e della musica, nasce Caterina, figlia illegittima di Galeazzo, la quale fin da bambina dimostra qualità non comuni e uno spirito ribelle: impossibile imbrigliarla nell'educazione che sarebbe appropriata per una femmina, ama la caccia, la spada, la lotta. Una sola regola sua nonna Bianca Maria riesce a inculcarle nell'animo: la necessità, per una nobildonna, di pagare il privilegio della sua nascita accettando il proprio destino, qualunque esso sia, per il bene del casato cui appartiene, anche a costo di tradire la propria natura. Per questo, quando è costretta a nozze forzate per salvare il ducato da una pericolosa guerra scatenata dal papa Sisto IV, Caterina subisce il matrimonio e, con esso, gli orrori perpetrati dal marito, che si rivela tanto violento quanto pavido e imbelle. Quando però, dopo la morte improvvisa di Sisto IV, loro protettore, si troverà coinvolta in una serie di feroci scontri tra gruppi di potere e opposte fazioni, il suo palazzo assalito e distrutto, la vita sua e dei figli in gravissimo pericolo, ritroverà lo spirito battagliero e il coraggio indomabile di un tempo e combatterà come e meglio di un uomo, lasciando un segno così indelebile nella vita di chi la ama e di chi la odia da guadagnarsi l'appellativo di Tygre.

156 Visite, 1 Messaggi

Se pensiamo a delle donne importanti del Rinascimento, Caterina Sforza non sarà la prima a venirci in mente. Vi consiglio perciò di leggere questo libro: oltre ad essere un romanzo molto appassionante,permette di conoscere un personaggio storico poco noto ma certamente notevole e affascinante. Caterina è figlia illegittima di Galeazzo Maria Sforza, il quale però la riconobbe assieme ai suoi fratelli come figli legittimi. Caterina crebbe in una delle corti più avanzate, quella di Milano, in un ambiente stimolante. Il suo carattere ribelle non fu mai ostacolato, le fu data le la possibilità di crescere libera nonostante fosse una donna e di ricevere una cultura a tutto tonto oltre a poter imparare l'arte della guerra che tanto l'affascinava.

Questo è un bellissimo romanzo storico .
Non trovo altre parole per descriverlo se non appassionante e coinvolgente.

  • «
  • 1
  • »

2408 Messaggi in 2045 Discussioni di 373 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online