Community » Forum » Recensioni

Senza uscita
0 1 0
Dickens, Charles

Senza uscita

Roma : Nottetempo, 2003

Abstract: Nel 1867 due grandi amici, Charles Dickens e Wilkie Collins, scrissero questo romanzo, inedito in italiano. Siamo a Londra, davanti alla "ruota" dove vengono deposti i bambini abbandonati. Una madre velata indaga sul nome che hanno dato al suo bambino. Ne segue uno scambio di persona, che dà l'avvio a una girandola di peripezie: un amore contrastato, un delitto nella neve, uno che sembrava amico e non lo è, uno che sembrava morto e non lo è. Una serie di scambi, nell'umore comico-misterioso di Collins, nutrito dall'umanità di Dickens.EDITORIALErray

39 Visite, 1 Messaggi

Il romanzo è diviso abbastanza equamente tra i due autori e, per chi ha già letto qualcosa di Dickens e Collins, e quindi sono avvezzi al loro stile, sarà facile riconoscere quale capitolo viene dalla penna di chi.
Senza uscita è il racconto di come un nome possa contare quasi nulla, ma anche essere il perno che scatena un ingarbugliato vortice di eventi tanto drammatici quanto divertenti, tanto assurdi quanto ordinari.
Un libro da scoprire, pubblicato inizialmente a puntate nella rivista dello stesso Dickens nel 1867 e per lunghissimo tempo introvabile in Italia e scritto da due grandi amici
che sono anche tra i maggiori scrittori inglesi dell'Ottocento.

  • «
  • 1
  • »

2275 Messaggi in 1921 Discussioni di 356 utenti

Attualmente online: Ci sono 18 utenti online