Community » Forum » Recensioni

Meraviglia
4 1 0
Vidotto, Francesco <1976- >

Meraviglia

Milano : Mondadori, 2017

Abstract: Storia di un amore implacabile, di una ricerca intima a dispetto di tutto, "Meraviglia" ci accompagna negli anni difficili della formazione di un adolescente, che non eccelle, che non è ammirato, che fatica a individuare i propri contorni, ma che proprio nell'accettazione di sé e degli eventi riuscirà a trovare il senso di una vita che, seppur sghemba, gli appartiene profondamente. Lorenzo è nato e cresciuto tra le Dolomiti, in un piccolo paese nel cuore dei Monti Pallidi. Ama la propria vita immersa nella natura e mai la vorrebbe cambiare, senonché il lavoro del padre lo costringe a trasferirsi in città proprio quando è il momento di iniziare le scuole superiori. Gli tocca frequentare un liceo di cemento grigio che quel suo piccolo paese avrebbe potuto contenerlo tutto quanto. Ogni cosa cambia. Lorenzo si sente fuori posto: straniero nella nuova vita ed estraneo a ciò che gli altri si aspettano da lui. I genitori insistono nel pretendere dei risultati scolastici che stentano ad arrivare, senza capire il suo disagio. Persino gli insegnanti lo abbandonano nell'indifferenza, al pari di un naufrago, e lui rimane in silenzio, al banco, in attesa che il tempo trascorra. Poi un giorno arriva Lavinia: Lavinia che è bella e ha gli occhi talmente neri che è impossibile distinguerne le pupille; Lavinia che è forte e lo salva da un branco di bulli; Lavinia che gira per la città in bicicletta coi suoi maglioni extralarge e il cappellaccio nero; Lavinia che va sempre al cuore delle cose; Lavinia che gli insegna a percepire la musica delle parole, a vivere di storie. L'amicizia che nasce tra loro è un sentimento forte e raro, capace di farli sentire completi. Ma la vita di lei nasconde ombre che oscurano ogni luce, ombre che trascinano in abissi troppo profondi. Insieme ci provano a sopravvivere, ad aggrapparsi a questa amicizia che per Lorenzo è molto di più: è amore. Amore bruciante e assoluto...

78 Visite, 1 Messaggi
Leopoldo Roman
109 posts

Mi sono mancate le montagne del Cadore, con la loro selvaggia atmosfera e la durezza del vivere, in questo riuscito romanzo d’amore adolescenziale di Francesco Vidotto. In compenso sono rimaste sempre nel cuore del suo protagonista Lorenzo, che alla fine della storia, ha voluto ritornarvi a vivere in pace con la sua anima, finalmente rasserenata e con una compagna, che è stata l’ultimo dono della sua amata Lavinia. Che dire di questa ragazza forte, bella, sfuggente, impegnativa che lo ha spesso salvato in un ambiente a lui ostile, che gli ha indicato la strada quando lui l’aveva smarrita, che lo ha amato quando meno se lo aspettava, che si è fatta ritrovare quando pensava di averla smarrita per sempre e per giunta con una sorpresa stupefacente. Una di quelle che Vidotto ormai ci ha abituato a trovare all’epilogo delle sue storie che, apparentemente semplici, non sono però mai banali. Anzi sono spesso impetuose e ricche di riflessioni esistenziali.

  • «
  • 1
  • »

2244 Messaggi in 1895 Discussioni di 353 utenti

Attualmente online: Ci sono 12 utenti online