Community » Forum » Recensioni

Sempre d'amore si tratta
0 1 0
Casciani, Susanna

Sempre d'amore si tratta

Milano : Mondadori, 2018

Abstract: "Bisogna prendersi cura dei doni come se fossero piccoli fiori selvatici: sbocciano senza il nostro aiuto, ma dobbiamo fare attenzione a non calpestarli, a non maltrattarli." E la piccola Livia di doni ne ha eccome. Come si fa a non accorgersene? Lei è una che quando si muove assomiglia a una nuvola trascinata dal vento, capace di rendere più colorato tutto quello che tocca. È timidissima, parla poco, però sorride a tutti. E poi ama scrivere, perché farlo la fa sentire diversa, nel senso di speciale, come se nelle sue vene al posto del sangue scorressero le parole. È un cuore puro il suo, e fragile, e per questo avrebbe bisogno di essere accudito e protetto. Però si sa, le stelle, le stesse alle quali Livia bambina si rivolge sommessamente tutte le sere, seduta sul terrazzo di casa, molto spesso si fanno gli affari loro e non sempre hanno voglia di guardare giù, di ascoltarci. Infatti, a un certo punto, nella vita di Livia accade qualcosa che le inceppa il cuore. Coll'aggravarsi della depressione della madre, tutto per lei diventa faticoso, difficile. Ragazzina sognatrice e poi giovane donna, Livia cerca comunque di spiccare il volo ma, quasi fosse una farfalla con un'ala di seta e una di piombo, non fa che sbattere da tutte le parti rovinando puntualmente al suolo. Così, caduta dopo caduta, sfinita da un amore - quello per la mamma malata - che si ciba della parte migliore di lei, inizia a non fare più caso alle piccole magie che accadono ogni giorno e finisce per rassegnarsi a lasciare andare tutti i suoi sogni. Quel che non sa è che l'amore è più potente di qualsiasi delusione e sa farsi largo anche tra le macerie di una vita che odora di terra bruciata come la sua. Sempre d'amore si tratta racconta la storia di Livia, dall'infanzia all'età adulta. E lo fa attraverso lo sguardo delle tante persone che, in momenti diversi, ne incrociano la strada, anche solo per poche preziose ore. Tante istantanee capaci di tratteggiare con precisione l'esistenza di una singola persona ma al contempo di raccontare anche un po' di tutti noi, di quanto sia difficile accogliere l'amore nella nostra vita, prendercene cura, proteggerlo e quanto sia spesso più facile, piuttosto, fuggirlo, maltrattarlo o convincersi di poterne fare a meno.

15 Visite, 1 Messaggi
Diana Reydych
125 posts

Mi ripromettevo da tempo di leggere questo libro, anche se ero leggermente diffidente, ma i pareri positivi riscontrati alla fine mi hanno convinta.

La protagonista è Livia, una ragazzina che ama scrivere e che vede molta magia nel mondo, ma ha una madre che è caduta in una forte depressione costellata da attacchi di panico, in forma così grave da aver perso il lavoro.
Il libro percorre la vita di questa giovane e del suo contatto con la malattia della madre che erode anche chi la circonda.
Livia dovrà prendere sulle spalle un carico eccessivo per lei, anche a causa della vigliaccheria del padre, verrà affossata e perderà sé stessa, i suoi sogni, la gioia.
Per fortuna ha accanto Bianca, un'amica che non la abbandona mai e che a sua volta non vive una bella situazione familiare, sempre criticata e maltrattata dalla madre.

E' un libro che tratta di attacchi di panico e depressione, due temi di cui si parla poco.
Si narra di tristezza e fragilità, poco accettate in una società che chiede molto e non conosce pace.
Verso la fine non sono stata soddisfatta della storia, ma ho provato forti emozioni e sensazioni contrastanti, segno che l'obiettivo è stato raggiunto. Quando vedo situazioni che mettono i figli in difficoltà mi sento male e qui le due protagoniste sono circondate di problemi, solo che una delle due è più corazzata.
Infatti ci viene anche fatto capire come sia importante concentrarsi sull'emancipazione e come sia un obbligo salvarci da situazioni che ci avvelenano, ma anche l'importanza di avere il coraggio di non nascondere sé stessi, infatti si parla anche di omosessualità e di come spesso sia mal vista pure in famiglia.
Da biografia e ringraziamenti sembra che anche l'autrice abbia sofferto di attacchi di panico ed ammiro il tentativo di far conoscere questi problemi da cui spesso distogliamo lo sguardo.

Un libro piccolo e delicato in grado di smuovere il cuore del lettore.

  • «
  • 1
  • »

2179 Messaggi in 1839 Discussioni di 344 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online