Community » Forum » Recensioni

Dora Bruder
1 1 0
Modiano, Patrick

Dora Bruder

Parma : Guanda, 1998

Abstract: 31 dicembre 1941, sul "Paris-Soir" appare un annuncio: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo, per caso, Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta sospesa. Non sa niente di Dora, ma è ugualmente spinto sulle sue tracce. Modiano cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l'hanno spinta a scappare e segue l'ombra di Dora per le vie di una città che conosce e ama, nei luoghi che hanno vissuto la guerra e l'occupazione, fino al drammatico epilogo ad Auschwitz. Qui, dove comincia la Storia degli uomini, si chiude per sempre la storia privata di Dora in mezzo a quella di un milione di altre vittime.

239 Visite, 1 Messaggi
Leopoldo Roman
97 posts

Mi aspettavo un romanzo particolare, invece ho letto un tentativo di ricostruire la vita di una ragazzina ebrea dal momento di una misteriosa fuga da casa fino alla sua deportazione in un campo di sterminio. La ricostruzione, intervallata dal racconto di ricordi personali di Modiano, è stata a volte anche troppo dettagliata. Per un non parigino quasi noiosa con tutti quegli indirizzi fin troppo particolareggiati. Sicuramente pregevole la volontà dello scrittore di tramandare ai posteri la memoria di una vittima dell'olocausto, ma non me la sento di definire questo libro un capolavoro dal punto di vista letterario, anche se l'ha scritto un premio Nobel.

  • «
  • 1
  • »

2143 Messaggi in 1808 Discussioni di 335 utenti

Attualmente online: Ci sono 22 utenti online