Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La casa di Jack - un film di Lars von Trier

ho preso questo film per due motivi:
1) se n'è parlato tanto
2) per controllare se Von Trier era uscito dalla fossa creativa in cui per me stava dopo Melancholia e Nymphomaniac, film che considero ristagnanti

prima impressione: si è bruciato il cervello....
Jack va costruendo una casa....il materiale gli parla e dovrebbe indurlo come costruttore a trovare un equilibrio e un'originalità edificativa, ma lui continua a demolire i suoi tentativi....parallelamente lui ammazza la gente....in grande quantità.
seguiamo questo suo racconto in 5 incidenti scelti a caso nella sua produzione, raccontati con presunta sincerità durante un ininterrotto dialogo (che presumiamo post-mortem) col suo traghettatore, Virgilio, proprio lui in persona, il poeta specializzato come guida turistica dell'Inferno

seconda impressione il genio che copia è genio o è uno che copia?
un dilemma che rimanda a Picasso....su cui ho le mie idee....
per una parte di film pare di avere a che fare con le situazioni e i dialoghi grotteschi e stracciaroli di Tarantino...solo che questo qui (e anche il suo Jack) si tronfia di prendersi parecchio sul serio, con tanto di digressioni con cartello a pennarello alla Godard, e atmosfere bluvellutesche alla Lynch....mah

terza impressione la catabasi
Jack ha una cella frigorifera piena stonfa dei suoi cadaveri, che lui conserva per farci masturbatorie digressioni (para o forse meta?)artistiche....alla fine, nel momento in cui deve andare all'inferno, la materia gli parla....e dove sta l'inferno? sotto una casetta di cadaveri costruita in una cella frigorifera, in un buco nel pavimento, sciaguattando in uno scolo fognario (e pensare che a Constantine bastava una bacinella d'acqua e un gatto da fissare)

ultima nota: la catabasi è una discesa nell'inferno con il corpo...tipo un'assunzione, ma in posti bassi

Sfida all'ultimo bacio - Anna Premoli

Un nuovo romanzo dell'autrice Anna Premoli. Stavolta si sfida con la politica. Esprime un punto di vista interessante. Mi è piaciuto il gioco di opinioni che quello romantico (che è come un suo marchio di scrittura). Rispetto la libro precedente, ogni tanto, dimentica della pandemia... Ma forse sono le misure americane che sono state più labili... Un romanzo rosa solo di copertina ;-P
Consigliato.

Dogtooth - regia di Yorgos Lanthimos

scusate se lascio qui questo commento, non so se sia il posto più appropriato....

che senso può avere lasciare a solo consultazione un dvd....che è l'unica copia di questo film nel sistema bibliotecario di Padova....
e non risulta a prestito locale, è proprio a solo consultazione

questa osservazione non sia considerata polemica, ma mossa da curiosità

My genderless boyfriend / [Tamekou]. 3

L’accenno di dramma è già finito. Ad un certo punto si trova un momento in cui viene rivelato il vero movente di questa storia. Bisogna prenderlo così. Come se si osservassero storie su instagram. Consigliato meh… I disegni sono belli… La storia non c’è… Raccolta di piccoli estratti di vita quotidiana.

Fullmetal alchemist / [storia e disegni Hiromu Arakawa]. 7

Settimo volume. La “squadre” in campo si stanno presentando. Fanno vedere i loro potenziali. Il bello è che all’inizio abbiamo avuto i contentini e ora si amplia e pian pianino spiegano le cose iniziali, ma nel frattempo si inseriscono cose nuove. I fatti che stanno accadendo non danno il fiato sul collo, ma allo stesso tempo, sono tanti e avvincenti. Un personaggio invece ci lascia, in una scena che secondo me è venuta bene, anche se era nato come personaggio ironico.

Io sono Persefone - Daniele Coluzzi

Questo libro è meraviglioso! La storia di Persefone,regina degli Inferi, è ormai nota a tutti gli amanti della mitologia greca.L'autore però con questo libro vuole dare voce a questa giovane dea, dipendente da dei più potenti,creando una sorta di diario che ci fa capire la vera evoluzione del personaggio di Persefone dall'inizio fino alla fine del suo viaggio per prendere posto nel mondo.
Molto scorrevole e la forma,nonostante accurate descrizioni di luoghi e vari dettagli,non è pesante ma semplice perché di base la storia si sa già.
Consiglio questo libro a chi conosce già un poco la storia,se invece non ve la ricordate o non l'avete mai sentita nominare vi consiglio vivamente di leggerla nei vostri testi scolastici (di sicuro ci sarà) e perché no...magari accompagnati anche da questo affascinante libro!

Cinzia - Leo Ortolani

Un’ironia quasi grottesca. Eppure giusta perché non risparmia nessuno. Possiamo vedere le vicende della nostra protagonista e sentire i suoi sentimenti, ma senza rimanerne troppo frastornati. Un libro per chiunque. Ognuno può leggerlo e capire quello che riesce a cogliere. Bello.

Day of the dead - [written and directed by] George A. Romero

terzo film zombico di George Romero.
l'epidemia è ormai scoppiata da un tempo indeterminato, ma sufficiente per constatare che il mondo è completamente infestato da zombi. seguiamo un piccolo gruppo di sopravvissuti in un'istallazione militare, composto di militari, scienziati (che stanno portando avanti ricerche sul perché, e il come dell'epidemia, e come sopravvivere sul lungo periodo), un pilota di elicottero e un tecnico elettronico.
i rapporti sono tesi...gli scienziati non vengono a capo di niente per difficoltà e miseria di mezzi, l'elettricità non c'è più, i ponti radio sono caduti così non è più possibile comunicare con altre enclavi che non si sa se esistano ancora. missioni esplorative nelle città con l'elicottero trovano solo rovine della civiltà e maree di zombi...

questo non è un film horror: Romero non è un Fulci che ti mette all'improvviso sotto gli occhi spezzoni di carnazza e gore solo per farti sobbalzare....il mondo di Romero ha preso atto degli zombi, a lui interessa raccontare l'uomo in queste condizioni straordinarie: cos'è, cosa fa, come ha reagito nel meglio e nel peggio delle sue possibilità. certo non mancano scene agghiaccianti e truci (gli ultimi 10 minuti sono quasi insostenibili) ma l'uomo è sempre protagonista....

segnalo presenti nel sistema altri due film sugli zombi di Romero:
la notte dei morti viventi o night of the living dead il primo zombico moderno (del 1968), più legato al cinema underground ma interessante
zombi o dawn of the dead (1978) capolavoro del genere che consiglio, come consiglio questo

My genderless boyfriend / [Tamekou]. 1

Manga tranquillo. La storia non è incisiva. È vita quotidiana, particolareggiata dall’essere diversa dai diversi costrutti sociali. Se si vuole trovare un pregio è, che tutto è giusto nel manga proprio perché non dovrebbero esistere schemi culturali che vadano contro.

R: The Danish girl - David Ebershoff

Questo libro è una raccolta di immagini. Metaforicamente parlando. Lo stile estremamente descrittivo permette di cogliere tutti i cambiamenti, ma può risultare un attimo meno leggero nella lettura. La storia si conosce, ma l’indagine psicologica dei personaggi è bella. Non so se quei pensieri potessero esserci nelle persone affianco a Lilli, ma se potesse davvero essere stato così, sarebbe bello. L’opera, viene ricordato, è una rielaborazione fantasiosa su fatti comunque avveratisi. Consigliato (Non per forza meglio del film ma comunque diverso. Cambia tono e informazioni. Il film non riesce a trattare tutto)

Basta dirlo - Paolo Borzacchiello

Libro molto interessante, quasi finito. Peccato non aver avuto il tempo per completarlo ma sono arrivata a 3/4. Super consigliato, aiuta a pulire il nostro linguaggio dalle parole che siamo abituati a dire, ma che sono dannose per la nostra quotidianità