Creato il 22/12/2017 8:39am

(senza descrizione)

Trovati 21 documenti.

I cinque cerchi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Condio, Roberto

I cinque cerchi : storia degli ori olimpici italiani / Roberto Condio ; prefazione di Giovanni Malagò

Milano : Baldini & Castoldi, 2016

I saggi

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ne manca una sola e poi sarà cifra tonda. Capiterà sicuramente a Rio, nei Giochi in arrivo: bel traguardo, le 200 medaglie d'oro conquistate nella storia delle Olimpiadi estive. Aspettando l'evento, qui si parte già con le celebrazioni. Esercizio utile, istruttivo e pure doveroso, prepararsi al futuro ripassando il passato. Specie se è così pieno di emozioni, campioni e trionfi. E allora, eccoli i 199 momenti di gloria dello sport italiano a cinque cerchi. Dal conte Trissino di Parigi 1900 al carabiniere Molfetta di Londra 2012 ci sono due guerre e un mondo nemmeno paragonabile. Dal salto in alto col cavallo al taekwondo c'è un'Olimpiade che ha cambiato quasi tutto, a partire dal suo programma, adeguato ai tempi. La costante è il valore assoluto di quegli ori: il massimo per un atleta che corona così una carriera con il titolo più importante, imponendosi nella gara che condensa gli sforzi di un quadriennio. Prefazione di Giovanni Malagò.

Eroi dello sport
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marchesini, Daniele

Eroi dello sport : storie di atleti, vittorie, sconfitte / Daniele Marchesini

Bologna : Il Mulino, 2016

Intersezioni ; 452

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Perché tutti ricordano il nome del fornaio Dorando Pietri, clamoroso sconfitto della maratona olimpica del 1908, e nessuno invece sa più il nome del vincitore? Gli eroi dello sport entrano nella vita quotidiana della gente, nutrono l'immaginario collettivo e vivono nel mito. Occorre però che ci sia un pubblico adorante e qualcuno che ne canti nel tempo le gesta. È quanto ci raccontano le mille imprese memorabili dello sport di oggi e di ieri. Storie di successi e di fallimenti, di grandi fatiche, di cadute, di riscatti, di primati e di passioni, in cui risuonano i nomi di Owens e Bikila, Coppi e Pantani, Senna e Nuvolari, Muhammad Ali, e di tanti altri ancora (... a proposito, lo sconosciuto vincitore della maratona del 1908 si chiama Johnny Hayes!).

Erano ragazzi in barca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brown, Daniel James <1951- >

Erano ragazzi in barca : la vera storia della squadra di canottaggio che umiliò Hitler / Daniel James Brown

Milano : Mondadori, 2015

Ingrandimenti

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: ll pomeriggio del 14 agosto 1936 a Berlino, sullo specchio d'acqua del Langer See, sotto gli occhi di Adolf Hitler e di una folla immensa si svolge la finale dell'otto maschile, la gara di canottaggio più attesa dell'XI Olimpiade. In sesta corsia, la meno favorevole, l'equipaggio statunitense si prepara a coronare un sogno incredibile, la conquista della medaglia d'oro, in uno dei più emozionanti e sorprendenti trionfi negli annali della specialità. Solo pochi mesi prima, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulle possibilità di vittoria della squadra dell'Università di Washington, formata da ragazzi di umili origini, figli di un'America messa in ginocchio da una spaventosa crisi economica. Eppure, spinti dall'insopprimibile desiderio di cambiare un destino apparentemente segnato, gli studenti della Washington sostengono senza battere ciglio allenamenti sfiancanti in condizioni climatiche proibitive e, grazie all'aiuto di tecnici esperti e inflessibili, ma ricchi di umanità, imparano a superare individualismi e gelosie, e a fidarsi ciecamente l'uno dell'altro, trasformandosi in una delle migliori squadre di canottaggio di tutti i tempi. Tra questi ragazzi spicca Joe Rantz, entrato nell'equipaggio per guadagnare un po' di autostima e trovare il proprio posto nel mondo insieme alla sua adorata Joyce.

Le regole del gioco
0 1 0
Materiale linguistico moderno

Malvaldi, Marco

Le regole del gioco : storie di sport e altre scienze inesatte / Marco Malvaldi

Milano : Rizzoli, 2015

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nella calma dello spogliatoio, poco prima dell’inizio del torneo olimpico di tennistavolo, l’inglese Matthew Syed si concentra su quello che sente come l’incontro più importante della sua carriera: ripassa la tecnica dei colpi, pensa al movimento delle gambe, al dettaglio dei gesti per recuperare la posizione d’equilibrio subito dopo il servizio. Poi, glaciale, si presenta al tavolo per affrontare il suo primo avversario, il tedesco Peter Franz. Sotto gli occhi di un palazzetto incredulo e di un numero non trascurabile di spettatori televisivi (è tennistavolo, ma è pur sempre un’Olimpiade), il povero Matthew viene battuto dal suo ancora più incredulo avversario per 21-4, 21-8, 21-4. Matthew Syed non è un giocatore qualsiasi, è campione del Commonwealth ed è universalmente riconosciuto tra i più spettacolari del mondo. Cos’è successo? Tenderemmo a pensare che sia l’eccessiva pressione la causa della débâcle, e in parte c’entra, ma la risposta è un’altra. E arriva dalla psicologia cognitiva. In un saggio sempre in bilico tra umorismo e suspense come le pagine migliori dei suoi romanzi, Marco Malvaldi scioglie questo e molti altri enigmi, ripercorrendo la storia dello sport sulle tracce di lanci, tiri e salti impossibili, con lo spirito di scoperta del vero uomo di scienza. “Cercare di capire il motivo per cui una punizione può seguire una traiettoria inspiegabile a livello intuitivo, o ragionare sul perché un tuffatore tenga le mani intrecciate e parallele all’acqua, o un saltatore in alto trovi conveniente aggirare l’asticella di schiena dà al nostro ruolo di spettatori una dimensione ulteriore.” E nobilita il divano sul quale siamo spaparanzati.

Dream team
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McCallum, Jack <giornalista>

Dream team / Jack McCallum ; prefazione di Federico Buffa

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2014

Pickwick

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 1

Abstract: C'è un solo Dream Team nella storia dello sport: la leggendaria squadra di basket che rappresentò gli Stati Uniti alle Olimpiadi di Barcellona del 1992, che trasformò le partite in uno spettacolo sensazionale e la NBA in un fenomeno globale. Jack McCallum, noto giornalista sportivo, visse in prima persona l'evento, accompagnando il Dream Team dalla sua formazione alla medaglia d'oro. Giocò a golf e - soprattutto - bevve con alcuni dei più grandi personaggi della NBA: Magic Johnson, l'esuberante showman che non si lasciò spaventare dalla diagnosi di sieropositività e diventò il leader indiscusso della squadra; Michael Jordan, atleta inarrestabile macchina del marketing; Charles Barkley, le cui provocatorie dichiarazioni minacciarono di far scoppiare un incidente internazionale. E, su tutti, Chuck Daly, l'amatissimo coach che seppe tirare fuori il massimo da super-star tanto diverse come Larry Bird, Patrick Ewing e Scottie Pippen. L'autore ci porta nel salottino privato dell'Ambassador dove fino a notte fonda i campioni giocavano a carte e discutevano e, con una "telecronaca" scritta, racconta la mitica partitella d'allenamento (che nessuno potrà mai vedere, perché giocata rigorosamente a telecamere spente) del luglio 1992 a Monte Carlo in cui i Dream Teamer si sfidarono nel match di basket - e nell'esibizione di trash talk - più grande della storia. Prefazione di Federico Buffa

Olympia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Studer, Massimiliano

Olympia / Massimiliano Studer ; [dialogo con Leonardo Quaresima ; prefazione di Gianni Rondolino]

Milano [etc.] : Mimesis, 2014

Mimesis. Videns

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: I caratteri di modernità del documentario trovano una loro importante fonte di origine nell'opera realizzata da Leni Riefenstahl, e in particolare in "Olympia" (1938), sontuoso e imponente lavoro nel quale sono rintracciabili tutti quei tratti della rappresentazione contemporanea delle Olimpiadi che il cinema e la televisione hanno inglobato nel loro modus operandi. Infatti le ricerche formali, la sperimentazione e le tecniche di riprese e di montaggio che Riefenstahl sviluppa, risultano di tale innovazione da riuscire a trasformare un documentario di registro sportivo in un'opera di grande e sempre rinnovato fascino, fino a farlo divenire un punto di riferimento stabile dell'arte non solo documentaristica. Ma l'interesse che Olympia continua a sprigionare è dovuto anche alla capacità della Riefenstahl di trasferire in immagine una precisa visione del mondo la quale costituirà uno dei pilastri dell'ideologia nazista; anche questa caratteristica insita nell'opera della Riefenstahl corrobora ancora di più il valore di "documento" proprio di "Olympia", come dimostra Studer nel suo studio che apre la collana Videns, proponendo un'analisi articolata dell'arte filmica della regista tedesca; analisi che viene arricchita dal dialogo dell'autore con Leonardo Quaresima e con il film in DVD allegato al volume. Prefazione di Gianni Rondolino

Emozioni di corsa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Noviello, Giancarlo

Emozioni di corsa : quaranta testimonianze e interviste coi protagonisti del running, dai grandi atleti ai loro indispensabili collaboratori / di Giancarlo Noviello

[S.l.] : Panda, 2014

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Cosa si prova a correre? Quali sentimenti travolgono il cuore di un maratoneta che arriva primo alle olimpiadi? Che emozioni si vivono a correre 120km di corsa nel deserto? Giancarlo Noviello ha provato a dare una risposta a tutto ciò. E lo ha fatto intervistando alcuni tra i più noti protagonisti del mondo della corsa: Gelindo Bordin, Salvatore Bettiol, Manuela Levorato, Bruna Genovese, Ruggero Pertile, Giovanna Volpato, Orlando Pizzolato, Paolo Venturini sono solo alcuni dei più di trenta atleti intervistati, tra maratoneti, ultramaratoneti, triatleti e nordic walker. Il mondo della corsa e delle sue emozioni è esplorato a 360° attraverso gli occhi dei suoi protagonisti, dandone un estratto palpabile e vivo, che immerge il lettore nello splendore (e nella fatica) della corsa e dell'atletica leggera. Non solo, alle interviste atletiche è affiancato un interessante approfondimento apportato da alcune interviste a medici, osteopati, nutrizionisti e fisioterapisti che coadiuvano con la loro professionalità le squadre dei runners, permettendo loro di ottenere le migliori prestazioni possibili.

Cinque cerchi e una stella
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Schiavon, Andrea <1974- >

Cinque cerchi e una stella : Shaul Ladany, da Bergen-Belsen a Monaco '72 / Andrea Schiavon

Torino : ADD, 2012

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: 5 settembre 1972, ore 4:30, villaggio olimpico di Monaco di Baviera. Un commando di terroristi palestinesi di Settembre nero fa irruzione negli alloggi della squadra israeliana. Comincia così la pagina più tragica della storia delle Olimpiadi e si concluderà solo 20 ore dopo con le cifre di una strage: 17 morti tra cui 11 israeliani, 5 palestinesi e un poliziotto tedesco. In quella squadra c'è anche Shaul Ladany, marciatore, l'unico sportivo israeliano che era sopravvissuto, bambino, a un campo di concentramento: Bergen-Belsen, lo stesso in cui morì Anna Frank. Per la seconda volta Ladany riesce a sopravvivere alla storia. Ladany è un docente di ingegneria prestato all'atletica, capace di incastrare allenamenti estenuanti tra una lezione e l'altra. La sua vita è stata un'infinita sequenza di chilometri, quasi un Forrest Gump che ha attraversato il XX secolo lasciando un segno a ogni passaggio. Vive il '68 a New York da studente della Columbia, combatte la Guerra dei Sei Giorni e quella di Yom Kippur, nel 1973, quando per difendere Israele rientra dagli Stati Uniti pagandosi il biglietto dell'aereo. Da Eichmann a Sharon, da Bikila agli All Blacks, da Nixon alla Thatcher: ci sono tutti nella marcia di Ladany. Andrea Schiavon racconta la vita di quest'uomo straordinario e con lui ripercorre le tappe di un intero secolo di eventi.

Storie a cinque cerchi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cervi, Gino, 1964-

Storie a cinque cerchi : l'uomo molla e altri racconti / Gino Cervi ; illustrazioni di Marco Ceruti

Firenze : Ed.it, 2012

Gli illustralunati ; 3

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Conoscete l'uomo che saltava come una molla? Sapete di Teofilo che prendeva il mondo a pugni? E del campione bianco che abbracciò il campione nero sotto gli occhi di Hitler? E del capocannoniere che portava gli occhiali? E della prima mamma che vinse volando la medaglia d'oro? Sfide e amicizie, sogni e passioni di uomini e donne che alle Olimpiadi vinsero la medaglia della vita.

Le grandi Olimpiadi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pastorin, Darwin

Le grandi Olimpiadi : cinque storie indimenticabili / Darwin Pastorin

[Roma] : Editori internazionali riuniti, 2012

I corsari ; 8

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "Jessie Owens, atleta americano nero, che in pieno nazismo dominò a Berlino 1936 lasciando di sasso Hitler e gli altri gerarchi impettiti in tribuna d'onore; Livio Berruti, studente di chimica, capace, a Roma 1960, di dominare i duecento metri piani con una corsa perfetta e leggera; Bob Beamon, un altro statunitense di colore che, a Messico '68, nel pieno della rivolta studentesca e operaia, saltò, nel lungo, otto metri e novanta, lasciando il mondo a bocca aperta [...] Sara Simeoni, veronese, principessa del salto in alto a Mosca 1980 [...] Usain Bolt, giamaicano, oro e record del mondo a Cina 2008 nei cento, duecento e quattro per cento, un'autentica saetta. Cinque vicende che vogliono racchiudere tutte le altre, bellissime e coinvolgenti."

Il campione innamorato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cecchi Paone, Alessandro - Pagano, Flavio <1962- >

Il campione innamorato : giochi proibiti dello sport / Alessandro Cecchi Paone, Flavio Pagano ; prefazione di Cesare Prandelli ; con un lettera di Dino Meneghin

Firenze [etc.] : Giunti, 2012

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "Un giorno qualcuno le chiese: "Di che sesso sei?", e lei non seppe cosa dire. Il suo sogno di poter vivere una vita normale andò in frantumi in un silenzio assordante, mentre la fotografavano di fronte e di profilo. Come un delinquente, colpevole di essere maschio e insieme femmina. Dora aveva entrambi gli organi sessuali, ma - nella matematica di certi moralisti - uno più uno fa zero. Il suo fu il primo "caso ufficiale" di ermafroditismo alle Olimpiadi. E non Olimpiadi qualunque. Quelle di Berlino 1936: le Olimpiadi naziste". Una storia di sport che si confronta in maniera inedita con il lato sentimentale, e per questo più genuinamente umano, dei suoi protagonisti. Tra cambi di sesso e misteri del doping, ermafroditi, stupri "correttivi", chiaroscuri di vittorie e di sconfitte sul campo e nell'anima, passando per il giallo irrisolto di un asso del pallone che finì in tragedia del desiderio e degli affetti, "Il campione innamorato" è fatto di mille avventure di vita prima che di sport. Un lungo racconto dall'antichità all'attualità che ci coinvolge in prima persona e ci invita a scendere in campo per giocare la partita più importante: quella contro ogni forma di razzismo, omofobia, prevaricazione. La vera partita della vita, in cui la posta in palio è che ognuno possa essere libero di diventare se stesso. Prefazione di Cesare Prandelli, con una lettera di Dino Meneghin

Le Olimpiadi raccontano la storia attraverso le immagini filateliche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barion, Giuseppe Pino

Le Olimpiadi raccontano la storia attraverso le immagini filateliche : fatti, curiosità, aneddoti da Olimpia a Londra 2012 / Giuseppe Barion

Padova : Tipografia veneta, 2012

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Oro, argento e birra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caprarica, Antonio

Oro, argento e birra : [le olimpiadi di Londra: i giochi di ieri e di oggi nel paese che ha inventato lo sport] / Antonio Caprarica

[Milano] : Sperling & Kupfer [etc.], copyr. 2012

Saggi

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Per ben tre volte - da quando, nel 1896, si svolsero le prime Olimpiadi dell'età moderna - Londra è stata scelta come sede dei Giochi. E non a caso, sostiene l'anglofilo autore di questo libro. Infatti, se si scorre un elenco delle discipline più popolari e praticate al mondo, si scoprirà, per la maggior parte di esse, una inconfutabile genealogia inglese: baseball e calcio, tennis e ippica nascono nell'Isola; hockey, boxe e polo devono le loro regole ai sudditi di Sua Maestà. Per non parlare dello spirito che contraddistingue la più pura condotta agonistica e che, in tutto il mondo, si definisce con una tipica espressione anglosassone: fair play. Raccontare le edizioni londinesi dei Giochi Olimpici diventa così l'occasione per indagare la storia e le curiosità di questa passione nazionale e per rivivere le emozioni di sfide epocali: il dramma di Dorando Pietri, il garzone emiliano che nel 1908 entrò nella leggenda perdendo di un soffio la maratona ma commuovendo fino alle lacrime la regina Alessandra; la gara di tiro alla fune che, nello stesso anno, provocò quasi una guerra fra inglesi e statunitensi; l'incredibile rimonta dell'olandese Fanny Blankers-Koen che nel 1948, dopo aver vinto tre medaglie d'oro, rischiò di perdere la finale della staffetta attardandosi a fare shopping! Le storie dei trionfi, delle cadute e delle epiche prodezze dei campioni di un tempo si susseguono con il ritmo scattante di una corsa per il podio e arrivano fino alla cronaca dei preparativi...

Olimpiadi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Finley, M. I. - Pleket, H. W.

Olimpiadi : i primi mille anni / M. I. Finley, H. W. Pleket

Milano : Res gestae, 2012

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le Olimpiadi sono la manifestazione sportiva più mediatizzata del pianeta, ma da dove nasce un così forte magnetismo? Cosa abbiamo conservato, nel XXI secolo, della millenaria eredità dei Greci? Come si svolgevano i Giochi nell'Antichità? Chi vuole stabilire un confronto con l'attualità, tra due modi diversi di concepire la pratica e la passione sportiva, trova in questo libro una quantità eccezionale di notizie: come si presentava Olimpia, quali erano le gare e le regole e come sono mutate nel tempo, quali erano i partecipanti, come erano allenati e premiati, chi organizzava i Giochi, quali furono i personaggi che vi si distinsero e quali i primati, le rivalità cittadine e nazionali e tutti i risvolti politici

Breve storia delle Olimpiadi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tulli, Umberto

Breve storia delle Olimpiadi : lo sport, la politica da de Coubertin a oggi / Umberto Tulli

Roma : Carocci, 2012

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le Olimpiadi moderne sono spesso considerate un fenomeno squisitamente sportivo. Tuttavia, sin dalla decisione del barone de Coubertin di riportare alla luce i Giochi olimpici, la politica internazionale ne ha scandito la storia, contribuendo anche al loro successo. Riflesso della tensione costante tra vicissitudini nazionali e internazionali, le Olimpiadi, dai Giochi di Atene del 1896 a quelli di Londra del 2012, hanno raccontato le trasformazioni del nostro mondo. Attraverso i record, le medaglie d'oro, i boicottaggi, ma anche la propaganda e il doping, la vicenda delle Olimpiadi aiuta a comprendere meglio gli ultimi centoventi anni della storia internazionale.

Roma olimpica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Frasca, Augusto - Lòriga, Vanni

Roma olimpica : la meravigliosa estate del 1960 / Augusto Frasca, Vanni Lòriga

[Roma] : Comitato olimpico nazionale italiano [etc.], 2010

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il racconto delle imprese e degli atleti che contribuirono a rendere l'Olimpiade di Roma 1960 la più bella mai disputata. La documentata ricostruzione dei tentativi di Roma per aggiudicarsi la designazione olimpica, dopo che nel 1940 Mussolini aveva ceduto la designazione all'alleato Giappone, è seguita dalla descrizione di tutti i complessi aspetti organizzativi, tra cui la costruzione dello Stadio Olimpico, del villaggio degli atleti e della Via Olimpica. A queste fa seguito il racconto degli indimenticabili giorni romani e degli straordinari personaggi che li consegnarono alla storia, che si snoda accompagnato da un repertorio iconografico formidabile, costituito da quasi cinquecento fotografie, e da numerose testimonianze affascinanti. Le pagine dove si intrecciano gli atleti, le gare e le personalità intervenute come spettatori, permettono di rivivere giorno dopo giorno l'avventura di un'Olimpiade che viene considerata l'ultima a dimensione umana. Nella splendida cornice di Roma, Cassius Clay e Livio Berruti, Nino Benvenuti e Abebe Bikila, il maratoneta scalzo, Costantino di Grecia, il principe atleta che vinse l'oro nella vela, personaggi come Grace Kelly e Maria Callas, per una volta spettatrici e non star, popolano il sogno di un'Olimpiade che brilla ancora oggi nel ricordo come fecero le fiaccole accese spontaneamente sugli spalti dell'Olimpico per salutare la fine dei giochi, l'11 settembre 1960.

Acido lattico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fattori, Saverio

Acido lattico : l'eccellenza atletica è un capolavoro che attende solo di essere inquinato / Saverio Fattori ; prefazione di Daniele Menarini

Roma : Gaffi, copyr. 2008

I sassi. - Gaffi ; 23

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "Acido lattico" è un romanzo noir d'ambiente sportivo: indaga il mistero di un suicidio e la faccia oscura dello sport professionistico. L'atletica leggera a livelli d'eccellenza è preparazione estenuante e dedizione assoluta. L'io narrante è una brutta persona: razzista, cinico, ossessionato dalla paura dell'insuccesso. Per esorcizzarla colleziona schede di giovani talenti "perduti" o martoriati da infortuni. Uno psicopatico con un'esistenza tetra e variabili minime. Finché si imbatte in Clara, promessa dispersa del mezzofondo: il suo fantasma personale. Per sopportare nuovi carichi di lavoro, sognando le Olimpiadi, Claudio Seregni supererà ogni remora etica. L'atleta è vittima, non carnefice. Il doping è la trasformazione del corpo, la performance atletica l'utopia della perfezione

Tutti i cerchi del mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Audisio, Emanuela

Tutti i cerchi del mondo : i volti, i paesi, le storie che fanno un'Olimpiade / Emanuela Audisio

Milano : Mondadori, 2004

Strade blu

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un viaggio attraverso i cinque continenti per capire cosa c'è di vecchio e di nuovo nelle nazioni che si presenteranno con i loro atleti alle Olimpiadi di Atene del 2004. L'autrice ci conduce in Kenia sulle tracce dei più grandi fondisti e mezzofondisti, che per mille dollari al mese scelgono di gareggiare sotto la bandiera degli Emirati Arabi; in Sudafrica, dove gli atleti bianchi rifiutano ancora di farsi massaggiare da fisioterapisti neri; in California dove è stato appena scoperto il THG, uno steroide studiato per l'attività sportiva; e, ancora, in Cina dove si stanno preparando le Olimpiadi del 2008 e dove sono in corso vere e proprie deportazioni di massa per costruire gli impianti. Le contraddizioni in cui viviamo lette attraverso lo sport.

Le antiche Olimpiadi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pescante, Mario - Mei, Piero

Le antiche Olimpiadi : il grande sport nel mondo classico / Mario Pescante; Piero Mei

Milano : Rizzoli, 2003

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: I primi giochi dell'Antica Grecia si svolsero nel 776 a. C.; gli ultimi di cui si possiede una data certa nel 369 d. C. Era la duecentottantasettesima Olimpiade. Dopo le date si perdono e diventano incerte; il cristianesimo avversava le gare sportive, la situazione politica era sempre più incerta, quei giochi non erano più il momento in cui le diverse popolazioni elleniche si riunivano consapevoli di una comune radice. In questo libro Mario Pescante e Pietro Mei ripercorrono la storia degli antichi giochi cantati da Pindaro, Simonide, Bacchilide e ricordati da tutti gli storici, ci raccontano le loro competizioni il cui premio era soltanto un serto d'alloro.

Storia delle Olimpiadi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jacomuzzi, Stefano

Storia delle Olimpiadi / Stefano Jacomuzzi

Torino : Einaudi, copyr. 1976

Gli struzzi ; 97

  • Copie totali: 14
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0