Giorgio Distante

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

R: LAMENTO DI PORTNOY - PHILIP ROTH. - BOMPIANI

un libro pallosissimo! molto molto molto dispersivo. ero pieno di speranza nel leggere qualcosa di philip roth ma, caspita, questo è uno dei peggiori libri che abbia mai letto.
ci sono, è vero, alcune delle scene più esilaranti che abbia mai trovato. stavo leggendo tranquillamente e, ad un certo punto, una singola parola mi ha fatto sbellicare dalle risate per almeno dieci minuti.
spero che i prossimi romanzi di roth che leggerò siano diversi. questo è, a mio avviso, estremamente sopravvalutato.

Tutto sbagliato, tutto da rifare - Gino Bartali

mmh... mi casca un mito.
bello il libro, ricco di aneddoti, non sempre scorrevole in quanto in alcuni punti è la trascrizione parola per parola del suo pensiero in quel momento, proprio un colloquio (era questa l'intenzione comunque). però sembra che tutte le corse alle quali ha partecipato e in cui non ha vinto, le ha perse per colpa di questo o quell'altro.
non del fatto che magari gli altri erano pi forti. questa l'ho persa perchè XY e se non fosse successo avrei raggiunto e superato i primi, ecc...
insomma un complotto mondiale ai danni di gino!
non sono sempre d'accordo.
comunque da leggere per conoscere il periodo d'oro del ciclismo.

ˆIl giro d'Italia - Mimmo Franzinelli

la storia del giro d'italia. mi aspettavo più aneddoti sulla corsa, sulle varie tappe, le imprese dei ciclisti. invece, tranne che per le prime edizioni, ben descritte, è più la storia dell'organizzazione del giro d'italia.
avrei voluto più aneddoti riguardanti solo l'aspetto sportivo.

Fausto Coppi - Jean Paul Ollivier

Bel libro. Scritto abbastanza bene. Scorrevole. Completo. Poche foto, purtroppo.
Anche se fosse scritto male comunque, è sempre la storia del Campionissimo. Bellissima, commovente e tragica.

Il giorno in più - Fabio Volo

di una povertà lessicale imbarazzante...
l'unica parola che esula dal vocabolario di un bambino dell'asilo è "ineluttabile" associata, ovviamente, a "verità". uno dei peggiori libri scritti nella storia dell'umanità, dispersivo come pochi (giustamente, una storia scarsa che richiederebbe sì e no una decina di pagine, deve essere riempita con interi paragrafi assolutamente inutili). uno spreco di carta.

Manuale teorico-pratico delle aperture - Giorgio Porreca

molto datato. scritto anche abbastanza male. cioè di descrittivo non c'è nulla, non è un romanzo, ma c'è un'elenco di aperture su 2-3 pagine e poi un migliaio di note a piè di pagina che si dilungano per il doppio dello spazio. di difficile gestione.
inoltre alcune sequenze di mosse non sono quelle giuste perchè in alcune note è scritto "questo errore è dovuto a XY, la continuazione giusta è Ae5".
io l'ho trovato di scarso utilizzo.

Kasparov insegna gli scacchi - Garry Kasparov

bisogna sapere un po' la terminologia e le tecniche basi per starci dietro. alcune cose che lui giudica "evidenti" (tipo, se fai questa mossa il nero vince) non sono così evidenti. sarà anche vero che il nero vince, ma dopo 5-6 mosse! hai voglia a imbroccarle!
per chi si avvicina al mondo degli scacchi, sono più utili altri libri.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate