In questa sezione vi è l'elenco delle opere finaliste al Premio Settembrini dall'anno 2005 all'anno 2016 presenti nelle nostre biblioteche.

E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti nella colonna a sinistra

Trovati 41 documenti.

Non si piange sul latte macchiato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gambarotta, Bruno

Non si piange sul latte macchiato : racconti in giallo / Bruno Gambarotta

San Cesario di Lecce : Manni, 2016

Pretesti ; 477

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un'estemporanea di pittura durante la sagra del maiale di San Venanzio, il concorso di poesia per San Valentino, una tavola imbandita di ravioli e innaffiata di barolo del pranzo di Natale, l'antico castello come set di uno spot televisivo, il laccato ingarbugliato mondo del cinema, Torino colma di gianduiotti fin nelle fondamenta, un condominio con portinaia e annessa mattacchiona, il cenone di Capodanno con finale a sorpresa: questi gli scenari delle otto storie gialle che tengono col fiato sospeso e fanno divertire, scritte dalla penna ironica ed elegante di Bruno Gambarotta.

Mastica e sputa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Roveredo, Pino

Mastica e sputa / Pino Roveredo

Milano : Bompiani, 2016

AsSaggi di narrativa

  • Copie totali: 9
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Donne di dolori, fatiche di uomini. Malattia, isolamento, solitudine, carcere, manicomio. Il mondo di Pino Roveredo torna in una raccolta di racconti lucidi, spietati, disarmanti come di consueto, che si tratti di schegge o di esistenze narrate intere, di redenzioni in extremis o di condanne irreversibili. Un bacio e un morso: la vita è così, e siamo tutti sempre impegnati a masticare e sputare, come dice la canzone di De André che diventa leitmotiv di un amore spaccato in due da un delitto non commesso. Ma in questo universo che ha la nettezza scavata del bianco e nero entrano anche la luce del mare, la leggerezza di una parola umile, fagioli, che si meriterebbe una doppia per guadagnare ancora più sapore, la voglia di guardare certe città belle per definizione - Trieste, Parigi - con gli occhi nuovi della meraviglia.

Troppa importanza all'amore (e altre storie umane)
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Parrella, Valeria

Troppa importanza all'amore (e altre storie umane) / Valeria Parrella

Torino : Einaudi, 2015

I coralli

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Otto racconti d'amore e non soltanto, otto storie umane sul trovarsi, sul perdersi e lasciarsi andare. Da Napoli a Liverpool, dal silenzio dei genitori alle parole dei figli, dalla magia inconsapevole della seduzione alle controllate omissioni del tradimento, dallo sguardo di chi muore all'allegria di chi rinasce, ogni storia di "Troppa importanza all'amore" rivela qualcosa su ciò che ciascuno crede di conoscere meglio di chiunque altro: la propria vita. Valeria Parrella torna alla leggerezza della forma breve che ha consacrato il suo successo fin dall'esordio con "Mosca più balena".

Le voci di Berlino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fortunato, Mario

Le voci di Berlino / Mario Fortunato

Milano : Bompiani, 2014

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Raccontava Christopher Isherwood - alla cui esperienza si ispirò il film "Cabaret" - che a fine anni Venti, alla vigilia della grande crisi economica antesignana di quella attuale, si precipitò a Berlino perché la città era considerata "il luogo più vizioso dai tempi di Sodoma". Sessantanni dopo e con le stesse motivazioni, il narratore di questo libro, allora giovane, segue le orme dello scrittore inglese e una sera giunge in quella che è una capitale divisa in due, vivendovi un'avventura tanto pericolosa quanto memorabile. Dall'episodio, che potrebbe figurare in una spy story di Le Carré, se non fosse che i protagonisti sono due ragazzi imbevuti di poesia, e cioè piuttosto goffi, ha inizio "Le voci di Berlino", narrazione corale e imprevedibile di "una città che non è, ma continuamente diventa", un luogo dove la letteratura, a furia di inseguire la realtà, la raggiunge. La storia di una metropoli è un romanzo sotto mentite spoglie. Se poi la metropoli è stata il cuore di una monarchia imbelle, di una repubblica litigiosa, di due dittature, e infine è diventata il centro politico dell'Europa odierna, il romanzo rischia di trasformarsi in una categoria dello spirito. È appunto in questa chiave che il libro spazia dalla Berlino sfrontata di Isherwood e Auden, ricostruita con materiali inediti, a quella degli iniziali bagliori dell'incendio nazista; dalla città distrutta dopo la caduta del Terzo Reich in cui i due figli di Thomas Mann, Erika e Klaus, tentano di riannodare il filo della memoria

Mali minori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lenzi, Simone

Mali minori / Simone Lenzi

Roma [etc.] : Laterza, 2014

I Robinson. Letture

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: I mali minori non hanno aria da tragedia. Non sono mai, per definizione, niente di irreparabile. Sono i doni sbagliati di Natale, gli esiti di un'informazione parziale o difettosa, i piccoli ma perfidi accanimenti della sfortuna che assumono agli occhi di un bambino la valenza di un disastro. Scaturiscono da un'incomprensione degli adulti che sembra mettere a rischio il senso stesso del mondo. Oppure da un'incapacità dei bambini a corrispondere alle aspettative degli altri, che li porta a conoscere per la prima volta quell'inadeguatezza contro cui si troveranno a lottare per tutta la vita. Oppure infine da quella cospirazione di cose che porta talvolta a interpretare gli eventi come un teatro, dove a reggere le sorti dei personaggi più inermi interviene spesso una mano dispettosa. Viene in mente la parabola del piccolo Carlo Emilio Gadda che, forzando per una volta l'avarizia dei genitori, riuscì finalmente a farsi comprare un gelato, che per colpa di un piccione non mangiò mai. Certo, col tempo il male minore smette di far soffrire. Resta, però, di lui un qualche noioso prurito dell'anima. Proprio come quando, d'estate, si aggiunge all'opprimente calura la noia di una zanzara.

La vita non è in ordine alfabetico
4 0 0
Materiale linguistico moderno

Bajani, Andrea

La vita non è in ordine alfabetico / Andrea Bajani

Torino : Einaudi, 2014

L'arcipelago Einaudi ; 209

  • Copie totali: 11
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il giorno in cui il maestro insegna ai bambini l'alfabeto è la fine e l'inizio di un mondo. La fine di un mondo in cui le cose succedevano e basta, e l'inizio di uno in cui possono essere messe in fila indiana in forma di parole. La vita intera passa attraverso le molteplici combinazioni di quelle ventuno lettere: sorprese, delusioni, imprevisti, nascita e crescita, persino la morte. Trentotto storie brevi, trascinanti e poetiche, piene di profonda leggerezza. Ciascuna di loro, una parola. Ciascuna di loro, il mondo. Sono epifanie scovate quasi per caso negli interstizi del quotidiano: lo smarrimento di una donna di fronte alla rottura di un braccialetto dei desideri, l'impossibilità di resistere dal prendere a calci un pallone che rotola per strada, il sollievo con cui si consegna a uno sconosciuto la propria storia sapendo che non lo si vedrà mai più, il piacere perverso di rimettere in circolazione una banconota falsa ricevuta chissà dove. Andrea Bajani compone una commedia umana in miniatura, in cui ogni piccolo gesto può diventare una chiave per capirsi, e rendersi conto che la felicità, alla fine, sta dentro la piega che di colpo prendono le cose.

Il posto più strano dove mi sono innamorata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Accardi, Mari

Il posto più strano dove mi sono innamorata / Mari Accardi

Milano : Terre di mezzo, 2013

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Una famiglia improbabile e scombinata lavori impossibili, spasimanti troppo timidi che le regalano fiori ogni giorno senza però palesarsi, e l'amore vero che non arriva mai: convinta dal padre che "Cu niesci arriniesci", se nella vita vuoi combinare qualcosa te ne devi andare da dove sei nata, Irma lascia Palermo per la fredda Torino, e poi da lì se ne va a Praga e Roma, sempre in cerca del suo posto nel mondo, anche se sembra che qualcuno riesca ogni volta a occuparlo prima di lei. La storia ironica e disillusa di una globe trotter dell'esistenza.

Fisica quantistica della vita quotidiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Paterlini, Piergiorgio

Fisica quantistica della vita quotidiana : 101 microromanzi / Piergiorgio Paterlini

Torino : Einaudi, 2013

L'arcipelago Einaudi ; 200

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La disperazione di un amore sbagliato. L'adrenalina dei 100 metri. Un rospo vittima di un sadico gioco infantile. La sfida alla perfezione da parte di Dio. Il gesto estremo di un uomo che ricorda sempre i compleanni. Istantanee a volte spietate, sempre intelligenti - dell'universo quotidiano colto nell'attimo preciso di un turbamento, di una sfavillante epifania. Perché ciò che si vede, ciò che sembra più evidente, spesso ha tutto un altro significato. Ma se non ci si può fidare dei gesti di ogni giorno, come si può leggere la realtà attorno a noi, e soprattutto quella dentro di noi? Se è vero che "l'essenziale è invisibile agli occhi", allora per capire il mondo bisogna credere in universi paralleli, o immaginare particelle che è improbabile vedere. Come nella fisica quantistica. Solo la parola, infatti, non lascia spazio all'errore: una cosa, se detta bene, è quella e basta. Perché se i fatti esistono, ciò che conta davvero sono i significati

Strane storie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Biondillo, Gianni

Strane storie / Gianni Biondillo

Parma : Guanda, 2012

Narratori della fenice

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Uno scrittore in crisi creativa ospite di un castello inquietante, due bambine ribelli che detestano il cibo della mensa scolastica, un archeologo del futuro che cerca il sito del leggendario Expo 2015, un convoglio della metropolitana impazzito, il mito reinterpretato di Tosca, la leggenda urbana dell'autostoppista fantasma, un paio di calzini invisibili... Benvenuti nel mondo immaginifico di Gianni Biondillo, che dopo il grande ritorno dell'ispettore Ferrara in "I materiali del killer", ha deciso di giocare con i generi letterari e di regalarci 17 storie (attenzione, anche i numeri hanno la loro importanza!) dove le cose non sono mai quelle che sembrano. Racconti che spaziano dall'horror al comico, dall'erotico al fantascientifico, dal mistery al grottesco, mescolando luoghi comuni e leggende metropolitane, paure antiche e incubi moderni...

Dentro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonvissuto, Sandro

Dentro / Sandro Bonvissuto

Torino : Einaudi, copyr. 2012

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Cos'è il carcere? La forma architettonica del male. Il carcere è un muro, e "il muro è il più spaventoso strumento di violenza esistente. Non si è mai evoluto, perché è nato già perfetto". Tutti i giorni, all'ora d'aria, puoi arrivare a toccarlo col naso "per guardarlo così da vicino da non vederlo più. E il muro non è fatto per agire sul tuo corpo; se non lo tocchi tu, lui non ti tocca. Non è una cosa che fa male, è un'idea che fa male". Sandro Bonvissuto ha un'attitudine da speleologo dell'esistenza. Che parli della pena di vivere in galera, della scoperta di quella cosa gigantesca che è l'altro da sé, o di un bambino che impara a correre il rischio di cadere, i suoi pensieri si mescolano sempre a percezioni scandagliate, felicità assaporate, umiliazioni patite, declinazioni del sentimento dell'esistere restituite con la naturalezza e la potenza dell'acqua che scava in profondità. Così, la felicità frastornante che dà l'amicizia può sprigionarsi da tre semplici lettere ("Aveva detto 'noi'. E mi sembrò fosse la prima volta che risuonasse quel pronome nell'aria, riferito anche a me. Noi, detto così, ti faceva essere addirittura la metà di una cosa plurale"). L'infanzia che non conosce la dittatura del tempo ("lo sanno tutti che bambini e orologi sono due cose incompatibili"), che è insofferente agli spazi chiusi ("perché l'infanzia non ha case, l'infanzia ha strade"), è "davvero l'unico momento nel quale siamo stati un altro"

L' amatore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Piumini, Roberto

L' amatore / Roberto Piumini

Siena : Barbera, 2011

Centocinquanta

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il gioco mortale di un uomo ha conseguenze impreviste sulla vita di due persone. Calli, canali e palazzi della città più romantica danno sfondo a un arguto minuetto d'amore. Un pittore ritrae la bella moglie di un ricco commerciante, ma nulla è come appare. Tre amori all'apparenza pacati, in tre tempi non lontani, in tre città dal perfetto sapore letterario: Parigi, Venezia, Vienna. Il linguaggio-sguardo trascorre, accurato e accorato, dalle scene visibili, teatro di corpi ed eventi, alle intime vertigini dei pensieri e dei desideri

Il ragazzo che lanciava messaggi nella bottiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Familiari, Rocco

Il ragazzo che lanciava messaggi nella bottiglia / Rocco Familiari

Venezia : Marsilio, 2011

Romanzi e racconti. - Marsilio

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Ragazze del Nordest
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bugaro, Romolo - Franzoso, Marco <1965- >

Ragazze del Nordest / Romolo Bugaro, Marco Franzoso

Venezia : Marsilio, 2010

Romanzi e racconti

  • Copie totali: 19
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: A nove donne viene data voce per raccontare la loro vita, i loro amori, le speranze, le delusioni, i progetti realizzati o abbandonati. Le loro storie compongono un ritratto collettivo di grande forza ed impatto, nel quale possiamo riconoscere la vera sostanza di felicità e smarrimento, coraggio e senso di colpa; e possiamo riconoscere, anche, il paesaggio e il respiro di un Nordest in tumultuosa trasformazione, dove l'aspetto delle città, delle campagne e della vita stessa muta più velocemente della capacità delle persone di metabolizzare il nuovo orizzonte. I temi trattati nel libro sono molti: dalla drammatica esperienza dell'aborto alla liberazione dalla violenza, dall'anoressia al felice lavoro di scoperta e costruzione della propria identità. Quasi un reality letterario, dove protagonista non è però la superficie, bensì il paesaggio interiore, la sensibilità stessa, e dove il confine tra letteratura e vita vissuta sfuma fino a risultare irrintracciabile

Leggero il passo sui tatami
5 0 0
Materiale linguistico moderno

Pastore, Antonietta

Leggero il passo sui tatami / Antonietta Pastore

Torino : Einaudi, copyr. 2010

L'arcipelago Einaudi. - Einaudi ; 158

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Lo smarrimento durante un breve viaggio in treno senza poter leggere gli ideogrammi, la scoperta che in Giappone soffiarsi il naso in pubblico è maleducazione, una gita alle terme con gli studenti, una disavventura al parcheggio, un timido studente attempato che s'innamora di un'americana... Sono tanti i piccoli spunti, i ritratti, da cui parte il racconto di questo libro curioso, che fa un doppio movimento: nel corso di sedici anni di vita in Giappone, la grande fascinazione iniziale per l'eleganza, per la raffinatezza del gusto, per la discrezione e la delicatezza delle persone lascia il posto progressivamente al fastidio per l'apparente ipocrisia, per la formalità e la rigidità mentale; eppure quella che si comunica al lettore è una conoscenza profonda degli animi, della cucina, della lingua, della letteratura giapponese, che finirà per portare l'autrice e il lettore fuori da tutti i luoghi comuni, e dentro un altro mondo. Con la definitiva consapevolezza che si tratta davvero di un altro mondo, a cui non si può che tentare di avvicinarsi all'infinito

Il re delle isole fortunate e altre storie vere tra le maraviglie dell'arte
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Puppi, Lionello

Il re delle isole fortunate e altre storie vere tra le maraviglie dell'arte / Lionello Puppi

Costabissara : A. Colla, 2010

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Se pur non sfugge alla suggestione letteraria di opere quali i Portraits intimes dei Fratelli Goncourt piuttosto che i Portraits in miniature di Giles Lytton Strachey, questo libro non è un semplice contenitore di racconti collegati dalla loro mera appartenenza ad un clima, in quanto articola, entro la cornice di due vicende speculari che rinviano alla scoperta e alla colonizzazione europea del Nuovo Mondo, ma con levità di intonazioni, una sequenza emblematica di inediti episodi attinenti l'universo dell'arte e manifestanti una sorta di malessere, di inquietudine, di instabilità e pure di «lacrime e sangue»: insomnia, dietro l'illusione delle «magnifiche sorti, e progressive», il presagio della sconfitta. Il lettore apprenderà, così, incidenti imbarazzanti della vita di grandi artisti (ad esempio: fu un penoso fiasco teatrale ad anticipare l'invenzione palladiana dell'Olimpico?); o rintraccerà un campionario di figli di grandi artisti con il complesso del genitore ingombrante (ad esempio: perché sì butta giù da un balcone Francesco, tìglio di Jacopo dal Ponte); o incontrerà figli fidati (ad esempio: perché chiede il porto d'armi Orazio, figlio di Tiziano?), ma anche degeneri e assassini (ad esempio: perché Palladio non riesce a dar sepoltura al prediletto figlio Leoni-da?). Altro troverà, il lettore. Il 'doppio' che ritorna (chi è veramente lo scultore Antonio Canova che muore misteriosamente a Follina nel 1873?), il falsario come trasmutazione di Jekyll in Hyde, i falsi (fu davvero Filippo Calendario il geniale architetto di Palazzo ducale a Venezia?), i contrabbandieri (perché i mercanti fiamminghi di quadri fratelli van Veerle ebbero quattro differenti cognomi?), le stregonerie (come morì il pittore veronese Felice Bru-sasorci?), la casa d'artista maledetta (perché fu teatro di morti incomprensibili la residenza veneziana di Tiziano?), un ponte carrabile e pedonale da Venezia a Murano nel Cinquecento

Sono l'ultimo a scendere e altre storie credibili
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mozzi, Giulio <1960- >

Sono l'ultimo a scendere e altre storie credibili / Giulio Mozzi

Milano : Mondadori, 2009

Scrittori italiani e stranieri. - A, Mondadori

  • Copie totali: 11
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le storie della quotidianità di uno scrittore e consulente editoriale perennemente al telefono e in giro per l'Italia. Microritratti fulminanti, conversazioni surreali e corrosive, testi che mettono in grottesco tic, vizi, manie, esagerazioni di tutti noi lettori-utenti-consumatori, e che letti da cima a fondo restituiscono un ritratto ironico e spietato, scettico e vitale dei nostri incerti tempi

L'ubicazione del bene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Falco, Giorgio <1967- >

L'ubicazione del bene / Giorgio Falco

Torino : Einaudi, 2009

Einaudi stile libero big. - Einaudi

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: A venti chilometri in automobile dal lavoro e dal supermercato, come accade ai bordi di ogni metropoli, la città continua e diventa un altro luogo: Cortesforza. Come la contea di Yoknapatawpha in Faulkner e la Regalpetra di Sciasela, Cortesforza è un luogo tanto più vero quanto più è immaginario. Qui si vive un esodo eterno, e la giornata è ridotta a tragitti in tangenziale verso casa. Il lavoro non si vede più, è dappertutto, ha invaso i comportamenti quotidiani, affettivi. Per dare un senso alle proprie esistenze, gli abitanti di Cortesforza accendono un mutuo, traslocano in una zona nuova o "mettono in cantiere un figlio". Ogni volta, però, lo svelarsi improvviso di una seppur piccola possibilità provoca una sconfitta irreversibile. Una commedia umana raccontata con sguardo lucido, impietoso, privo di giudizi. Nessuna apocalisse: solo un'inevitabile, comune disfatta

Dall' altra parte
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rigoni, Mario Andrea

Dall' altra parte : racconti / Mario Andrea Rigoni ; postfazione di Ruggero Guarini

Milano : Aragno, copyr. 2009

Biblioteca Aragno. - Aragno

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Dodici storie moderne, variamente allarmanti, raccontate con impavida semplicità, come si usava una volta. I racconti che formano la presente raccolta sono per la maggior parte inediti.

Il vento e la moto: passioni, nostalgie, fughe, dolcezza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Livi, Grazia

Il vento e la moto: passioni, nostalgie, fughe, dolcezza / Grazia Livi

1. ed

Milano : Garzanti, ©2008

Nuova biblioteca Garzanti ; 65

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La trama dei rapporti familiari, e in particolare il vincolo che lega una madre al figlio, sono il fulcro di Il vento e la moto. Grazia Livi riesce a esprimere quello che non riusciamo a dire né a noi stessi né alle persone che ci sono più care. I vortici in cui si possono avvitare i sentimenti vengono via via svelati, con la precisione di un sismografo, irradiando una suggestione profonda. Una prosa limpida accompagna i sottili movimenti del cuore nella vita quotidiana: fughe, pene, rancori, intenerimenti, attese, slanci di gioia e di comprensione. Il vento e la moto ci coinvolge nelle vibrazioni dei personaggi e ci fa scoprire in loro la nostra stessa fragile umanità.

Il rosso attira lo sguardo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Oggero, Margherita

Il rosso attira lo sguardo : quattro stagioni di relazioni pericolose / Margherita Oggero

Milano : Mondadori, 2008

Omnibus. - A, Mondadori

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Una romantica notte di Capodanno a due che si trasforma in una pericolosissima sfida; una irresistibile lolita che esige dal suo uomo una complicità sempre più ardita; una donna vestita in un magnifico abito da sera rosso fuoco, sulla riva del mare; le conseguenze di un folle amore giovanile che stendono la loro ombra molto, troppo lontano. Inverno, primavera, estate e autunno: le stagioni dell'anno fanno da sfondo alle vicende di quattro donne che attraverso il brivido del pericolo, dell'inganno, del crimine sono disposte a perdere tutto per trovare se stesse. Come se solo in queste situazioni estreme, che ci conducono fino al sottilissimo confine fra il bene e il male, fosse possibile conoscersi e riconoscersi, capire che cosa si desidera; come se anche l'amore avesse bisogno di trovarsi di fronte al limite ultimo per dimostrare la propria verità. Nelle pagine di questo libro, di queste quattro storie che sono ciascuna un piccolo romanzo, l'ironia torna come il controcanto necessario