Il 10 maggio 1933 a Berlino e nelle principali città della Germania, al culmine di una vasta campagna per la “pulizia” della cultura tedesca mediante il fuoco, furono bruciate le opere di centinaia di autori considerati non conformi all’autentico spirito tedesco, perché di origine ebraica o perché portatori di visioni del mondo distanti da quelle del regime. Per non dimenticare quanto avvenuto, l’Associazione italiana biblioteche promuove Libri salvati, una rassegna di letture pubbliche di brani tratti da libri bruciati durante i Bücherverbrennungen, i roghi di libri avvenuti la notte del 10 maggio 1933.

Aderiscono all'iniziativa con letture di brani tratti da libri proibiti, le biblioteche di: Abano Terme, Albignasego, Borgoricco

«Là dove si bruciano i libri si finisce per bruciare anche gli uomini.» (Heinrich Heine, Almansor 1823)

Vedi tutti

Libri proibiti

Il rogo dei libri

Quando il regime ordinò che in pubblico fossero arsi
i libri di contenuto malefico e per ogni dove
furono i buoi costretti a trascinare
ai roghi carri di libri, un poeta scoprì
- uno di quelli al bando, uno dei meglio - l'elenco
studiando degli inceneriti, sgomento, che i suoi
libri erano stati dimenticati. Corse
al suo scrittoio, alato d'ira, e scrisse ai potenti una lettera.
Bruciatemi!, scrisse di volo, bruciatemi!
Questo torto non fatemelo! Non lasciatemi fuori! Che forse
la verità non l'ho sempre, nei libri miei, dichiarata? E ora voi
mi trattate come fossi un mentitore! Vi comando:
bruciatemi!

Bertolt Brecht

Vedi tutti

Autori al rogo