Io ci sono
4 2 0
Materiale linguistico moderno

Annibali, Lucia

Io ci sono

  • Copie totali: 17
  • A prestito: 4
  • Prenotazioni: 0

Abstract: 16 aprile 2013, una sera qualunque. Lucia, una giovane avvocatessa di Pesaro, torna a casa dopo essere stata in piscina. Ad attenderla, dentro il suo appartamento, trova un uomo incappuccialo che le tira in faccia dell'acido sfigurandola. Le ustioni, devastanti, corrodono anche il dorso della sua mano destra. Quella stessa notte viene arrestato come mandante dell'aggressione Luca Varani, avvocato, che con Lucia aveva avuto una tormentata relazione troncata da lei nell'agosto del 2012 e che, secondo la magistratura, aveva assoldato per l'agguato due sicari albanesi, pure loro poi arrestati. Come avviene in molti, troppi episodi di violenza contro le donne, anche in questo caso è stato l'abbandono a innescare la miccia del risentimento. Lo schema è purtroppo "classico": il possesso scambiato per amore, la rabbia che diventa ferocia, fino all'essenza della crudeltà: l'acido in faccia. In questo libro Lucia Annibali ripercorre la sua storia con quell'uomo, dal corteggiamento al processo ("Il tempo con lui è stato una bestia che digrignava i denti e io mi lasciavo sbranare"); passa in rassegna i momenti dell'emozione e quelli della sofferenza; racconta l'acido che scioglieva il suo viso ("Un minuto dopo la belva era ammaestrata") e poi i mesi bui e dolorosissimi, segnati anche dal rischio di rimanere cieca. Per la sua tenacia, la sua determinazione e il coraggio di mostrarsi, oggi Lucia è diventata un'icona, punto di riferimento per tutte le altre donne...


Titolo e contributi: Io ci sono : la mia storia di non amore / Lucia Annibali, con Giusi Fasano

Pubblicazione: Milano : Rizzoli, 2014

Descrizione fisica: 270 p., [4] carte di tav. : ill. ; 21 cm

Serie: Controtempo

EAN: 9788817075244

Data:2014

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Controtempo

Nomi: (Autore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 362.88092 (14)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2014
  • Target: adulti, generale

Sono presenti 17 copie, di cui 4 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Albignasego G 362.88092 ANN ALB-24242 Su scaffale Prestabile
Noventa Padovana G 362.88092 ANN NOV-18923 Su scaffale Prestabile
Abano Terme G 362.88092 ANN ABT-82338 Su scaffale Prestabile
Veggiano G 362.88092 ANN VEG-10770 Su scaffale Prestabile
Brugine G 362.880 92 ANN BRU-16084 Su scaffale Prestabile
Cittadella 362.880 92 ANN CIT0-51795 Su scaffale Prestabile
Monselice G 362.88092 ANN MON-33994 Su scaffale Prestabile
Este G 362.88092 ANN EST-53763 In prestito 01/09/2017
Galliera Veneta 362.880 ANN GLV0-30934 Su scaffale Prestabile
Anguillara Veneta G 362.88092 ANN ANG-10834 Su scaffale Prestabile
Santa Giustina in Colle Bibl. Centrale 362.88 ANN SGC0-8751 Su scaffale Prestabile
Solesino TM ST Storie vere ANN SOL-9615 In prestito 06/03/2017
Ponso G 362.88092 ANN PNS-5765 In prestito 16/09/2017
Piazzola sul Brenta G 362.8 ANN PSB-23792 Su scaffale Prestabile
San Giorgio in Bosco G 362.8 ANN SGB-16828 Su scaffale Prestabile
Massanzago Bibl. Centrale 362.880 ANN MSZ0-11470 Su scaffale Prestabile
Legnaro G 362.88092 ANN LEG-19277 In prestito 10/08/2017
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Un libro che DEVE essere letto da tutti: quando perdi tutto in pochi secondi e scopri di avere una gran voglia di vivere. E' la testimonianza della rinascita di una donna, che non vuole essere considerata una vittima ma una persona determinata a riprendere in mano la propria vita.

Bellissimo nella sua tragicità. Lo consiglio a tutti: ai giovani per aprire gli occhi e conoscere dove possono arrivare la crudeltà e la forza dell'animo umano; agli uomini per capire e conoscere meglio le donne scoprendo quanta forza nascondono; ed infine a noi donne perchè sapere è meglio che ignorare. Mai abbassare la guardia e al primo campanello d'allarme chiedere aiuto. Smettiamola di scusare o con presunzione pensare di essere in grado di cambiarli.
Azzardo una provocazione: perchè nella scuola media superiore non si può "sacrificare" la lettura durante l'anno di qualche classico capolavoro della letteratura italiana per un più moderno capolavoro della vita reale?

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.