Vigodarzere

Contatti

Vigodarzere
Villa Zusto - Via Ca' Pisani, 74, Vigodarzere
0498888327-313

Orario Aperta

Oggi la biblioteca è aperta dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00

Visualizza l'orario completo
Vedi tutti

Nuovi libri in biblioteca

Vedi tutti

Nuovi libri per ragazzi

Vedi tutti

Nuovi film in DVD

Vedi tutti

Prossimi eventi

Nessun evento in programma
Vedi tutti

Last Posts

Dimenticare uno stronzo - Federica Bosco

Assolutamente meraviglioso!! Ho letto questo libro perché mi è stato consigliato da un'amica in seguito alla mia relazione da poco conclusa. Non avevo mai letto niente di Federica Bosco, non la conoscevo nemmeno. Posso dire che mi ha stupita molto per il modo scorrevole e ben impostato in cui ha raccontato anche in parte la sua esperienza nella speranza di motivare noi, che siamo state lasciate da uno stronzo, a non perdere il sonno e il senno per chi non ci merita. È stata molto incoraggiante e motivante. Divertentissimi anche i test a fine di ogni capitolo e i disegnini. Questo è un libro che comprerò di sicuro! Merita di essere letto e riletto e... "disegnato"!

La lettrice - Traci Chee

Oh vediamo.. da dove comincio? Bè direi subito che è un libro molto particolare, nasconde in sé molte sorprese, non si ferma ad essere un solo libro....non posso svelare di piú; comunque suggerimento: state attenti alle parole, anche a quelle sparse .... Poi che dire ci sono avventure, davvero tante avventure e nulla è come sembra... Per fortuna ci sarà un seguito, dato che questo primo romanzo é pressoché introduttivo anche se già "movimentato", il tutto sperando sempre che venga tradotto.. Unica pecca che non riguarda il contenuto ma la copertina: è orribile e non centra nulla col libro, é forviante ed inutile, a differenza dell'originale, pazienza non tutte le ciambelle riescono col buco nel complesso consigliato a tutti gli amanti del fantasy classico.

Bugie pericolose - Becca Fitzpatrick

Bellissimo soft thriller, romantico e molto toccante. Questa autrice non sbaglia un colpo che siano paranormal o gialli i suoi libri sono stupendi. Dettagliato con una giusta dose di suspense, questo romanzo ci porta verso la terra dei cowboy in una sperduta cittadina del Nebraska dove niente è come sembra e tutti hanno dei segreti...Consigliato....

Vivere 120 anni - Adriano Panzironi

Un libro molto interessante, mi ha incuriosita inizialmente un programma in tv con interviste all'autore studioso sig.Panzironi sul canale 128 del digitale terrestre, lui è un tipo molto pacato e molto chiaro nelle spiegazioni ed ha seguito numerose ricerche e studi realizzati da grandi scienziati e premi nobel sui piu' importanti temi di salute e diete. Nel testo ci sono diversi capitoli che approfondiscono in maniera egregia la funzionalità del nostro corpo, il sistema ormonale, il sistema immunitario, l’apparato digerente e, non da ultimi, le malattie moderne causate dall’eccesso di carboidrati “insulinici” e porcherie varie presenti nell’alimentazione convenzionale. Lo consiglio a tutti quelli che vogliono alimentarsi in modo sano e consapevole.

I Nibelunghi - raccontati da Laura Mancinelli

Scritto in terza persona, con narratore onnisciente, a mo' di narratore di tempi e luoghi lontani. Sono miti passati, riguardanti i Burgundi e gli Unni. Storia interessante che a pezzi assomiglia ad altre mitologie. Consiglio di leggerlo non a 8 anni come consigliato ma almeno alle medie.

Le nostre anime di notte - Kent Haruf

Mi piace, non c’è che dire, Kent Haruf. Tornare per la quarta volta ad Holt (dopo la trilogia della pianura) è stato per me come tornare a casa dopo un lungo viaggio. Addie e Louis sono forse i due personaggi, fra tutti quelli che ho conosciuto, che ricorderò con più affetto, ma anche con tanta rabbia. Se da un lato la loro platonica storia d’amore mi ha coinvolto per la dolcezza e la semplicità con cui è stata raccontata, dall’altro il dialogo che ad un certo punto ha coinvolto madre figlio e amico è stato di una cattiveria così lucida ed irreversibile come raramente avevo riscontrato prima. Parole semplici, ma di una durezza infinita, tali da farmi capire che Holt non è quella terra promessa che credevo, ma un lembo di mondo con tutte le meschinità che lo caratterizzano quando s’impone la presenza dell’uomo. Ma un filo di speranza alla fine ci soccorre e ci illumina.