Community » Forum » Recensioni

Teutoburgo
3 1 0
Manfredi, Valerio Massimo

Teutoburgo

Milano : Mondadori, 2016

  • Copie totali: 50
  • A prestito: 37
  • Prenotazioni: 1

Abstract: È un giorno di sole quando Armin chiama suo fratello Wulf, per mostrargli un prodigio: la costruzione della "strada che non si ferma mai". Una meraviglia che li lascia senza fiato, il miracolo tecnico dei nemici romani, capaci di creare dal nulla una strada che attraversa foreste, fiumi, paludi e non devia nemmeno davanti alle montagne. Improvvisamente i due sentono dei rumori: è una pattuglia romana. Armin e Wulf sono catturati dai soldati. Nel loro destino però non c'è la morte, né la schiavitù. Perché Armin e Wulf sono figli di re. Sigmer, il loro padre, è un guerriero terribile e fiero, principe germanico rispettato e amato dalla sua tribù. La sua sola debolezza era l'amicizia segreta con Druso, il grande nemico, il generale romano precocemente scomparso che Sigmer, di nascosto, ha imparato a conoscere e ad ammirare. I due giovani devono abbandonare la terra natale e il padre per essere condotti a Roma. Sono principi, per quanto barbari. Saranno educati secondo i costumi dell'Impero fino a diventare comandanti degli ausiliari germanici delle legioni di Augusto. Sotto gli occhi dell'inflessibile centurione Tauro, impareranno una nuova lingua, adotteranno nuove abitudini, un modo diverso di pensare. E come possono Armin e Wolf, cresciuti nei boschi, non farsi incantare dai prodigi di Roma? I due ragazzi diverranno Arminius e Flavus, cittadini romani. Ma il richiamo del sangue è davvero spento in loro? La fedeltà agli avi può portare alla decisione di tradire la terra che li ha adottati?

20 Visite, 1 Messaggi
Gloria Cucco
102 posts

Storia interessante, come sempre, ma lettura un po' lenta. Questa volta non mi ha catturato, non mi ha tenuto con il fiato sospeso. Resta comunque un racconto più avvincente, riguardo ciò che successe alla battaglia di Teutoburgo nel 9d.C., rispetto ai libri di storia. Come tutti i romanzi storici lo consiglio. Non fermatevi al fatto che per scrivere il romanzo bisogna integrare con la fantasia ma cercate di calarvi nelle situazioni e di osservare da vicino il mondo romano sotto l'epoca di Augusto.

  • «
  • 1
  • »

1664 Messaggi in 1386 Discussioni di 253 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online